IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 09/06/2021

Rapporti di agenzia: ok al recesso senza specificazione dei motivi

Tempo di lettura: 2 minuti
agenti di commercio e rappresentanti

Per la legittimità del recesso nel rapporto di agenzia, il preponente non è obbligato a fare riferimento a fatti specifici. Cassazione 10028 2021

Commenta Stampa

La Cassazione Civile, Sezione Lavoro, con l' ordinanza 15 aprile 2021, n. 10028, ha ritenuto che, ai fini della legittimità del recesso nel rapporto di agenzia, non è necessario che il preponente  faccia  riferimento ai fatti specifico  nella  comunicazione all'agente, in quanto è sufficiente che di essi l’agente sia a conoscenza

Il caso in particolare riguardava una societa che era stata condannata  dal Tribunale di Bologna a pagare ad un ex agente  la somma complessiva di €.78.000,00, oltre rivalutazione ed interessi, rper recesso ingiustificato  dal rapporto di agenzia . Nella lettera di recesso infatti non  era stata inidcato  il motivo della giusta causa , che era clausola risoutiva secondo il contratto firmato. La società affermava che  la clausola risolutiva espressa era stata implicitamente azionata ed in ogni caso  era provato lo sviamento di clientela a favore di una ditta concorrente, alla quale l'agente aveva anche fornito informazioni riservate sui prodotti della società ricorrente , da cui era derivata un prodotto di imitazione  Pertanto la risoluzione per giusta causa era pienamente sussistente, con la conseguenza che nulla era dovuto all'agente anche indipendentemente dalla clausola risolutiva espressa.

 la Corte d'appello di Brescia, in totale riforma della sentenza impugnata, respingeva l'originaria domanda dell'agente , ritenendo in particolare che l'attività di concorrenza sleale posta in essere , confortata da numerose testimonianze, concretava una causa che non consentiva la prosecuzione neppure provvisoria del rapporto, tanto più considerata la qualità di agente generale 

La cassazione cui si è rivolto quindi l'agente ha valutato  non censurabile la sentenza di applello .

Ricollegandosi ad un risalente orientamento di legittimità (cfr. Cass. n. 3592\77), ricorda che  il recesso per giusta causa (con conseguente diritto all'indennità per mancato preavviso) del lavoratore o dell'agente non è condizionato ad alcuna formalità di comunicazione delle relative ragioni, sicché, a tal fine, può tenersi conto anche di comportamenti (del datore di lavoro o del preponente) ulteriori rispetto a quelli lamentati nell'atto di recesso (del lavoratore o dell'agente), Cass. n.30063\19, Cass. n. 23455\04, Cass. n. 3898\99. 

Specifica comunque che "è sufficiente e necessario che  di tali motivi  l'agente sia a conoscenza, anche "aliunde". Nella specie, come risulta dagli atti di causa ed inoltre dalle incontestate deduzioni della società, il ricorrente  era perfettamente a conoscenza dell'attività di concorrenza illecita posta in essere e che gli venne conseguentemente contestata sicché, assolutamente in linea con la giurisprudenza di questa Corte il recesso in tronco deve ritenersi legittimo (Cass. n. 7019\11).


Fonte: Corte di Cassazione


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Il Metodo dei Multipli 2021 - GIAPPONE
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - USA
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - GLOBALE
Scaricalo a 15,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE