IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 26/03/2021

Rimborso Iva versata in UK nel 2020: invio delle domande entro il 31 marzo

di Redazione Fisco e Tasse

Tempo di lettura: 3 minuti
rimborso iva regno unito

Le istanze di rimborso dell’Iva pagata nel Regno Unito nel corso del 2020 dovranno essere inviate entro il 31 marzo 2021

Commenta Stampa

Termine anticipato al 31 marzo 2021 per l'invio delle istanze di rimborso dell’Iva pagata nel Regno Unito nel corso del 2020, da parte degli operatori Ue, non stabiliti in UK.

La scadenza anticipata, rispetto a quella ordinaria del 30 settembre, è stata definita sulla base di quanto stabilito nell’accordo di recesso dall’Unione che, all’articolo 51, paragrafo 3, in deroga a quanto previsto dal paragrafo 2 e all'articolo 15 della direttiva 2008/9/CE, riconosce la possibilità di invio delle richieste di rimborso relative all'IVA pagata in uno Stato membro da un soggetto passivo stabilito nel Regno Unito, o pagata nel Regno Unito da un soggetto passivo stabilito in uno Stato membro, secondo le regole fissate dalla medesima direttiva, ma da effettuarsi entro il 31 marzo 2021.

Ricordiamo che a partire dal 1° gennaio 2021, in seguito alla Brexit il Regno Unito è uscito dalla UE, diventando paese extra UE, di conseguenza, salvo la stipula di specifici accordi bilaterali o di un’intesa generale, non si applicheranno più le disposizioni della Direttiva n. 2008/9/CE sul rimborso dell’IVA pagata in uno Stato membro diverso da quello di residenza, ma quelle della Direttiva n. 86/560/CEE del 1986 che regola i rapporti con Paesi extra-UE.

Quando è possibile richiedere il rimborso

Secondo quanto stabilito dall'art. 3 della direttiva 2008/9/CE, i soggetti passivi stabiliti in Italia possono richiedere il rimborso dell'Iva solo se, nel 2020:

  • non avevano nel Regno Unito né la sede della propria attività economica né una stabile organizzazione dalla quale fossero effettuate operazioni commerciali, né, in mancanza di tale sede o stabile organizzazione, il domicilio o la residenza abituale.
  • non hanno effettuato cessioni di beni o prestazioni di servizi il cui luogo di effettuazione si possa considerare situato in UK, fatta eccezione per le seguenti operazioni: 
    • prestazioni di servizi di trasporto e di servizi ad essi accessori, esenti a norma degli articoli 144, 146, 148,149, 151, 153, 159 o 160 della direttiva 2006/112/CE;
    •  cessioni di beni e prestazioni di servizi al debitore dell'IVA ai sensi degli articoli da 194 a 197 e dell'articolo 199 della direttiva 2006/112/CE (Iva in reverse charge).

I soggetti passivi stabiliti in Italia richiedono il rimborso dell’imposta sul valore aggiunto assolta in un altro Stato membro in relazione a beni e servizi ivi acquistati o importati, presentando apposita istanza all’Agenzia delle entrate, esclusivamente per via telematica (secondo quanto stabilito dal provvedimento del 01.04.2010).

Le richieste di rimborso devono essere presentate con le seguenti modalità: 

  • direttamente, avvalendosi del servizio telematico Entratel o Internet (Fisconline), in relazione ai requisiti da essi posseduti per la presentazione telematica delle dichiarazioni 
  • tramite gli incaricati della trasmissione telematica,
  • avvalendosi, per la sola trasmissione delle richieste di rimborso, di soggetti delegati in possesso di adeguata capacità tecnica, economica, finanziaria e organizzativa;
  • tramite le camere di commercio italiane all’estero che abbiano ottenuto il riconoscimento governativo di cui alla legge 1 luglio 1970, n. 518, e successive modificazioni.

Le informazioni che devono essere indicate nella richiesta di rimborso possono variare a seconda del Paese a cui viene inviata l’istanza e sono riassunte nell'apposita "Tabella contenente le preferenze espresse dal singolo Stato comunitario".

Nella domanda di rimborso inviata via web, la descrizione dei beni deve essere inserita in base alla "Tabella contenente i codici da utilizzare per la descrizione dei beni acquistati".

L’operazione di controllo e gestione delle domande, prima della trasmissione allo Stato competente per il rimborso, è effettuata dal Centro Operativo di Pescara - Via Rio Sparto, 21 - 65100 Pescara - fax:0039 0855772325 - telefono: +39 085 5772369; +39 085 5772204 - email: [email protected]

Le informazioni inerenti allo stato di lavorazione delle istanze, successivamente all’invio al competente Stato comunitario, dovranno essere richieste all’amministrazione fiscale estera competente, i cui recapiti sono indicati nell’elenco delle amministrazioni fiscali estere.

Ti potrebbe interessare Iva estero (Pacchetto eBook 2020) contenente 2 ebook in pdf sulle operazioni intra ed extra UE, modalità di operare nelle diverse operazioni e casi pratici.

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Credito imposta R&S: certificazione costi del revisore
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 42,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31
Gestione fiscale del fondo svalutazione crediti (excel)
In PROMOZIONE a 22,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2022-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE