IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 02/03/2021

Contributi INPS professionisti: ok alla prescrizione se non c'è notifica dall'istituto

Tempo di lettura: 2 minuti
cassazione sentenza

Quando si prescrive il credito contributivo INPS verso un avvocato senza Cassa? La Cassazione chiarisce nell' Ordinanza n. 5145 del 25.2.2021

Commenta Stampa

La Corte di Cassazione, con l'Ordinanza n. 5145 del 25 febbraio 2021, ha statuito che, in materia di previdenza, la dichiarazione dei redditi non si puo considerare causa di interruzione della prescrizione del credito contributivo INPS verso l'avvocato non iscritto alla Cassa professionale. In assenza di specifico atto interruttivo quindi il credito dell'istituto è da considerare prescritto.

Il caso riguardava una avvocatessa  iscritta all'albo professionale ma non alla Cassa di Previdenza professionale  che non aveva versato alla Gestione separata i contributi relativi al reddito professionale. Sulla richiesta dell'INPS  il Tribunale di lanciano aveva rigettato il ricorso della professionista mentre la Corte d'appello di L'Aquila,  ha dichiarato sussistente l'obbligo di versare alla gestione separata i contributi  escludendo quelli relativi all'anno 2011 per intervenuta prescrizione; la Corte territoriale infatti  ha accertato che l'atto interruttivo della prescrizione del 4 agosto 2017 era stato notificato a LM quando ormai il termine quinquennale  era già scaduto ; ha, anche rigettato l'eccezione di sospensione della prescrizione proposta dall'INPS

L'istituto contestava la decisione  sulla scadenza del credito per prescrizione, deducendo che la dichiarazione dei redditi, presentata il 26 settembre 2016, conteneva l'indicazione di quanto percepito dalla professionista  a titolo di reddito da lavoro autonomo;  e quindi  il puntuale riconoscimento del debito da parte della professionista nei confronti dell'istituto creditore era da considerare causa di interruzione della prescrizione.

La Suprema corte  afferma invece che il motivo è infondato; 

Ricorda che come  già nelle precedenti sentenze  n. 19403 del 2019 e n. 27950 del 2018 la data da cui parte la prescrizione va individuata nel momento dal quale il credito può essere fatto valere e non già nella data di presentazione della dichiarazione dei redditi .Inoltre   quanto alla natura dell'indicazione contenuta nella dichiarazione dei redditi quale riconoscimento del debito, ancora questa Corte ha stabilito come alla stessa non possa essere attribuita valenza di atto interruttivo della prescrizione, ai sensi dell'art. 2941 cod. civ., posto che con tale dichiarazione il debitore afferma di aver percepito un determinato reddito, ma non riconosce il diritto dell'Inps ad ottenere il pagamento dei contributi, diritto che consegue all'iscrizione obbligatoria alla gestione separata; 

Ricorda infatti il proprio  consolidato orientamento per cui per aversi riconoscimento dell'altrui diritto è pur sempre necessario che sussista, anche implicitamente, una manifestazione della consapevolezza della esistenza del debito (Così Cass. n. 22223 del 2020; cfr. anche Cass. n. 25943 del 2015).

La Corte rigetta  dunque il ricorso dell'INPS.

Fonte: Corte di Cassazione


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Detrazioni fiscali su immobili (Excel)
In PROMOZIONE a 79,90 € + IVA invece di 99,00 € + IVA fino al 2060-12-31
Pacchetto Dichiarativi 2021
In PROMOZIONE a 219,90 € + IVA invece di 389,30 € + IVA fino al 2060-12-31
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-05-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE