IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 09/02/2021

Cartelle sospese in attesa del Nuovo Governo

di De Rosa Dott. Francesco

Tempo di lettura: 3 minuti
Cartelle di pagamento

La tregua durerà almeno fino al 28 febbraio, ma non mancheranno ulteriori interventi

Commenta Stampa

Sono ancora sospesi i termini dei versamenti delle cartelle di pagamento, e presumibilmente lo resteranno per molto, dato il perdurare delle restrizioni imposte dall’emergenza Covid 19. Lo dispone l’articolo 68 del decreto legge 17 marzo 2020, n.18 (decreto “Cura Italia”), che è stato interessato nel tempo da diversi interventi di modifica ed ampliamento, ma che resta la norma di riferimento.

In attesa di novità, che potrebbero essere una sospensione per un periodo significativo e, forse, una nuova rottamazione che aiuti i contribuenti colpiti dalla crisi economica a far fronte ai loro impegni nei confronti dell’Erario, abbiamo assistito negli ultimi tempi a due mini-proroghe del termine di sospensione inizialmente fissato al 31 dicembre 2020:

- la prima, con l’articolo 1, comma 2, del d.l. 15 gennaio 2021, n.3, fino al 31 gennaio 2021;

- la seconda, con l’articolo 1, comma 2, del d.l. 30 gennaio 2021, n.7, fino al 28 febbraio 2021.

Quindi, ad oggi i pagamenti delle cartelle sono sospesi dall’8 marzo 2020 (o dal 21 febbraio per i residenti nelle zone rosse di cui all’allegato 1 al d.p.c.m. 1° marzo 2020) fino al prossimo 28 febbraio, e dovrebbero essere effettuati, salvo ulteriori proroghe, che possiamo quasi dare per scontate, entro il 31 marzo 2021.

Gli atti oggetto della disposizione sono:

- le cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione;

- gli avvisi di accertamento esecutivi (già affidati all’Agenzia delle Entrate Riscossione);

- gli atti di accertamento emessi dall'Agenzia delle dogane ai fini della riscossione delle risorse proprie tradizionali (dazi doganali e contributi provenienti dall’imposizione di diritti alla produzione dello zucchero) e della connessa IVA all'importazione;

- le ingiunzioni degli enti territoriali;

- gli accertamenti esecutivi degli enti locali.

Il pagamento, a norma del comma 1 dell’articolo 68 del decreto Cura Italia, deve essere effettuato “in unica soluzione entro il mese successivo al termine del periodo di sospensione”, ed è per questo che sopra abbiamo indicato come termine il 31 marzo. Tuttavia, è opportuno fare una distinzione a seconda della situazione in cui si trovava il debitore al momento dell’inizio della sospensione.

Se, infatti, il debitore era nei termini per pagare quanto dovuto, potrà senz’altro decidere entro la fine del mese se pagare per intero oppure presentare un’istanza di rateazione. Un po’ diversa, invece, si presenta la situazione di chi aveva un debito già scaduto alla data dell’8 marzo, perché in quel caso è consigliabile affrettarsi a pagare o presentare un’istanza di rateazione, dal momento che l’ente riscossore potrebbe iniziare le azioni esecutive già dal giorno successivo al termine di sospensione (e quindi dal 1° marzo).

Nel caso di piani di rateazione in corso all’8 marzo scorso, il quadro normativo è stato interessato da una importante modifica in favore del debitore.

Infatti, a rigore, il soggetto che ha sospeso il pagamento delle rate lo scorso 8 marzo, dovrebbe provvedere al pagamento di tutte le rate scadute entro il prossimo 31 marzo. Poiché ciò nella maggior parte dei casi non sarà possibile, si deve ricordare però che, a norma di cui all’articolo 19, comma 3, del d.p.r. 602/73, il debitore non decade dal piano di rateizzo, a condizione che le rate non pagate non siano più di cinque.

L’intervento di favore è stato effettuato con l’introduzione del comma 2-ter nell’articolo 68 del decreto Cura Italia, ad opera dell’articolo 154, comma 1, lett. b) del decreto legge 34/2020 (Decreto Rilancio), e consiste nell’incremento del numero delle rate che è consentito non pagare prima che intervenga la decadenza. A beneficio dei soggetti che avevano piani di rateazione in essere alla data dell’8 marzo 2020, o che hanno effettuato richiesta di rateazione entro il 31 dicembre 2020, le rate che possono essere non pagate da cinque diventano dieci.

Questo significa, a conti fatti, che, se i pagamenti dovessero riprendere dal prossimo mese di marzo, il contribuente che abbia saltato dodici rate (da marzo 2020 a febbraio 2021) può mettersi in regola, e riprendere i pagamenti secondo il vecchio piano, versando solo tre rate, in modo da trovarsi scoperto per meno di dieci rate.

Ti potrebbe interessare il foglio di calcolo Ravvedimento operoso 2021- Foglio di calcolo excel per determinare gli importi dovuti in caso di ravvedimento operoso e stampa F24, aggiornato con il tasso di interesse 2021.
Guarda anche tutti i prodotti e utilità contenuti nella sezione Difendersi dal Fisco

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Roberta Sartorello Roberta Sartorello - 09/02/2021
Grazie
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Detrazioni fiscali su immobili (Excel)
In PROMOZIONE a 79,90 € + IVA invece di 99,00 € + IVA fino al 2060-12-31
Pacchetto Dichiarativi 2021
In PROMOZIONE a 219,90 € + IVA invece di 389,30 € + IVA fino al 2060-12-31
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-05-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE