IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 05/02/2021

Taglio cuneo e codici tributo ritenute 2020: l'Agenzia chiarisce

Tempo di lettura: 3 minuti
ritenute agenzia entrate

Sui codici tributo per le ritenute sul lavoro dipendente 2020 Interviene l'Agenzia con una rettifica per i casi di versamenti rateali relativi al 2020 post conguaglio

Commenta Stampa

L'Agenzia delle Entrate  è intervenuta  a rettificare l'articolo sulla propria testata Fiscooggi, ripreso da tutta la stampa specializzata,  in merito alla risoluzione n. 6 del 28 gennaio 2021,  con i codici tributo  per i  sostituti di imposta da utilizzare per i versamenti delle ritenute sui trattamenti pensionistici e redditi di lavoro dipendente e assimilati dopo il conguaglio di fine anno 2020, in forma rateale.
Si tratta in particolare dei seguenti codici per il modello F24 ordinario:

  • “1066” per le “Ritenute sui trattamenti pensionistici e redditi da lavoro dipendente e assimilati, operate dopo il relativo conguaglio di fine anno
  • “4934” per le “Ritenute sui trattamenti pensionistici e redditi da lavoro dipendente e assimilati, operate dopo il relativo conguaglio di fine anno, maturate in Valle d’Aosta e versate fuori dalla regione stessa
  • “4935” per le “Ritenute sui trattamenti pensionistici e redditi da lavoro dipendente e assimilati, operate dopo il relativo conguaglio di fine anno, versate nella regione Valle d’Aosta e maturate fuori dalla regione stessa”.

che andranno inseriti nella sezione  “Erario”, esclusivamente in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “Importi a debito versati”, riportando nei campi “Rateazione/regione/prov./mese rif. e “Anno di riferimento”, rispettivamente, il mese per cui si effettua il pagamento della ritenuta e l’anno d’imposta cui si riferisce la ritenuta stessa, nei formati “00MM” e “AAAA”.
Questi invece i codici per il modello F24 EP (enti pubblici):

  • “103E” per le “Ritenute sui trattamenti pensionistici e redditi da lavoro dipendente e assimilati, operate dopo il relativo conguaglio di fine anno
  • “193E” per le “Ritenute sui trattamenti pensionistici e redditi da lavoro dipendente e assimilati, operate dopo il relativo conguaglio di fine anno, maturate in Valle d’Aosta e versate fuori dalla regione stessa
  • “194E” per le “Ritenute sui trattamenti pensionistici e redditi da lavoro dipendente e assimilati, operate dopo il relativo conguaglio di fine anno, versate nella regione Valle d’Aosta e maturate fuori dalla regione stessa”.

che vanno inseriti nella sezione  “dettaglio versamento”, nello spazio “codice tributo/causale”. Gli altri campi da riempire sono:

  1. sezione”, con il valore “F” (Erario)
  2. riferimento Ache richiede l’indicazione del mese per cui si effettua il pagamento della ritenuta, nel formato “00MM
  3. riferimento B”, con l’anno d’imposta cui si riferisce la ritenuta, nel formato “AAAA”.

Sull'utilizzo l'amministrazione finanziaria chiarisce ora  che  il nuovo codice 1066,  come gli analoghi per la valle d'Aosta è applicabile a tutte e  tre le ipotesi di conguaglio fiscale con effetti nell'anno successivo , con lo scopo di  distinguere i versamenti delle ritenute 2021 da quelli delle ritenute del conguaglio dell'anno precedente, (e non, come affermato in precedenza ,  per distinguere un tipo di ritenuta dall'altra).

Questa soluzione trova conferma nelle istruzioni della Certificazione unica 2021, nelle quali si specifica che nella sezione “Altri dati” il  sostituto deve indicare tutti gli importi delle imposte dell'anno trattenute dopo le operazioni di conguaglio, e vengono citate appunto le stesse  tre casistiche di prelievo della  risoluzione 6/2021, ovvero :

  1. le ritenute sui redditi da lavoro dipendente prevista dall'articolo 23 del DPR 29 settembre 1973, n. 600, che risulta prelevabile successivamente ex comma 3, secondo periodo, “in caso di incapienza delle retribuzione" 
  2. imposte dovute in sede di conguaglio di fine anno, per importi complessivamente superiori a 100 euro, relative a redditi di pensione non superiori a 18.000 euro, elevate, in un numero massimo di undici rate,   ex articolo 38, comma 7, del decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78, 
  3. Ritenute per ulteriore detrazione  sui redditi da lavoro dipendente tra 28m ila e 40 mila euro  ex articolo 2 del decreto-legge 5 febbraio 2020, n. 3 qualora non spettanti,   per il recupero  degli importi oltre i  60 euro,  da effettuare  in otto rate , successivamente al conguaglio dell'anno precedente.

Sulle novita della CU 2021 leggi anche "CU 2021 il nuovo modello per la certificazione Unica"

Fonte: Agenzia delle Entrate



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31
Gestione fiscale del fondo svalutazione crediti (excel)
In PROMOZIONE a 22,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2022-12-31
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 91,70 € + IVA invece di 130,75 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE