HOME

/

FISCO

/

NUOVA IMU 2022

/

TARI E TEFA: DAL 2021 PAGAMENTI CON PAGOPA

TARI e TEFA: dal 2021 pagamenti con PagoPA

Il Decreto del Ministero delle finanze prevede l'utilizzo di PagoPA per i versamenti delle imposte TARI e TEFA a partire dal 2021 in poi

Con Decreto del 21 ottobre 2020 il Ministero delle Finanze stabilisce che per le annualità 2021 e successive, i versamenti

  • della tassa sui rifiuti denominata TARI-tributo,
  • della tariffa di natura corrispettiva denominata TARI-corrispettiva
  • del tributo per l’esercizio delle funzioni di tutela, protezione e igiene dell’ambiente denominato TEFA
  • e degli eventuali interessi e sanzioni

devono essere effettuati dai soggetti passivi agli enti impositori attraverso la piattaforma PagoPA.

Secondo quanto esplicita l’allegato al decreto in oggetto il Comune e il soggetto affidatario del servizio di gestione dei rifiuti urbani sono responsabili del servizio di incasso delle entrate di TARI e TEFA.

Ad essi  spetta il compito di calcolare  l’importo da pagare e la definizione dettagliata degli importi parziali, anche sulla base delle indicazioni fornite dalla Provincia/Città Metropolitana, riferiti rispettivamente alla

  • TARI-tributo
  • alla TARI-corrispettiva destinate al Comune o al soggetto affidatario
  • al tributo TEFA destinato alla Provincia/Città Metropolitana.

Il Comune e il soggetto affidatario dovranno emettere gli “Avvisi di pagamento pagoPA” da recapitare ai propri cittadini/utenti. 

L'avviso dovrà contenere le opportune indicazioni in merito al pagamento delle suddette entrate secondo le disposizioni vigenti.

Comuni e affidatari della riscossione potranno anche generare avvisi digitali tramite la piattaforma IO.

Il Comune o il soggetto affidatario dovrà essere in grado di accettare pagamenti pagoPA disposti dal PSP ossia dal prestatore del servizio di pagamento e attivare l’incasso on line dal proprio sito secondo gli standard pagoPA

Il cittadino deve poter far fronte a quanto riportato sull’avviso tramite un'unica transazione di pagamento disposta

  • dal sito dell’Ente
  • o presso i canali telematici, 
  • le App, 
  • gli sportelli di tutti i PSP aderenti alla piattaforma pagoPA.

Ricordiamo che cosa è PagoPA:

è un sistema di pagamenti elettronici realizzato per rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso la Pubblica Amministrazione.

Non è un sito dove pagare, ma una nuova modalità per eseguire, tramite i Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP) aderenti, i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione in modalità standardizzata.

Si possono effettuare i pagamenti direttamente sul sito o sull’applicazione mobile dell’Ente o attraverso i canali sia fisici che online di banche e altri Prestatori di Servizi di Pagamento (PSP), come ad esempio:

  • le agenzie della banca
  • l’home banking del PSP (riconoscibili dai loghi CBILL o pagoPA)
  • gli sportelli ATM abilitati delle banche
  • i punti vendita di SISAL, Lottomatica e Banca 5
  • gli Uffici Postali

Ti potrebbe interessare l'e-book Codice dei tributi locali (eBook 2020)

Tag: NUOVA IMU 2022 NUOVA IMU 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

NUOVA IMU 2022 · 17/06/2022 Acconto IMU 2022: le sanzioni per i pagamenti errati o in ritardo

Cosa fare da oggi per i pagamenti errati o effettuati in ritardo dell'acconto IMU 2022

Acconto IMU 2022: le sanzioni per i pagamenti errati o in ritardo

Cosa fare da oggi per i pagamenti errati o effettuati in ritardo dell'acconto IMU 2022

Dichiarazione IMU 2022: prorogata al 31 dicembre

Il nuovo Dl semplificazioni fisco porta novità sulla dichiarazione IMU 2022: approvato ieri 15 dicembre con proroga della dichiarazione IMU

Esenzione IMU 2022: le regole per le residenze disgiunte dei coniugi

In caso di residenze disgiunte dei coniugi la scelta dell'immobile esente va fatta nella dichiarazione IMU 2023 da presentare entro giugno. In Telefisco il MEF chiarisce cosa fare

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.