IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 22/07/2020

Lavoro stagionale trasfrontalieri e COVID 19: linee guida UE

Tempo di lettura: 3 minuti
legge delegazione europea

Linee guida per garantire la protezione dei lavoratori stagionali trasfrontalieri UE e di paesei terzi contro il Coronavirus

Commenta Stampa

Il 16 luglio 2020 la Commissione europea ha adottato le Linee guida per garantire la protezione dei lavoratori stagionali nell’UE  contro il Coronavirus .

Il documento , che alleghiamo in fondo all'articolo, fornisce  specifiche indicazioni riguardo la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro alle Autorità nazionali, alle parti sociali e ai lavoratori .

Va innazitutto ricordato che solo piu di 17miloni e mezzo i cittadini eruropei che vivono o lavorano in stati diversi da quelli della loro nazionalità e che in particolari settori come agroalimentare e turismo,   è fondamentale l'apporto  dei lavoratori stagionali, che si attestano tra  le ottocentomila e 1 milione di unità.

E' il  regolamento (CE) n. 883/2004  che ha fissato la normativa in materia di sicurezza sociale applicabile ai lavoratori stagionali e stabilisce che i lavoratori dell'UE che esercitano il diritto alla libera circolazione sono soggetti   al sistema di sicurezza sociale di un solo Stato membro alla volta. Lo scopo è evitare casi di doppia copertura o lacune nella copertura di tali lavoratori. Né il lavoratore né il datore di lavoro hanno la possibilità di scegliere in quale Stato membro il lavoratore è assicurato20: la legislazione applicabile risulta oggettivamente dalle disposizioni del regolamento sulla base della situazione personale e professionale del lavoratore. 

 Un punto che viene particolarmente sottolineato  è il fatto che la mancanza di informazioni in merito ai diritti e agli obblighi dei lavoratori stagionali e dei loro datori di lavoro hanno conseguenze dirette sulla protezione di tali lavoratori. La Commissione invita pertanto gli Stati membri a intraprendere ampie campagne di informazione,  sia per i datori di lavoro che i  lavoratori stagionali, sulle norme applicabili e sui diritti dei lavoratori stessi . Si segnala che la  direttiva 91/533/CEE , (superata poi dalla  DIRETTIVA (UE) 2019/1152 del 20 giugno 2019)   definiva già le informazioni essenziali che i lavoratori, devono ricevere dal loro datore di lavoro per iscritto entro due mesi dall'inizio del rapporto di lavoro una informativa contenente:  descrizione del lavoro da svolgere, la data di inizio e  fine del rapporto di lavoro, la durata delle ferie retribuite, il livello e gli elementi costitutivi della retribuzione, la durata normale giornaliera o settimanale del lavoro e gli eventuali contratti collettivi applicabili. Gli Stati membri possono tuttavia escludere alcune categorie di lavoratori  dai requisiti minimi (ad esempio quando la durata complessiva del periodo di occupazione non è superiore a un mese). La Commissione invita gli Stati membri a disporre affinché i datori di lavoro siano tenuti a fornire tali informazioni ai lavoratori stagionali, in una lingua che essi comprendono, indipendentemente dalla durata del periodo di occupazione.

Le autorità nazionali  in particolare sono chiamate ad applicare le regole e le raccomandazoni definite in sede europea  in particolare

  • assicurare condizioni di lavoro e di vita adeguate
  • migiorare la consapevolezza dei datori di lavoro sulla normativa vigente
  • fornire alle aziende di piccole dimensioni guide pratiche di applicazione delle norme in materia di salute e sicurezza
  • rafforzare i controlli ispettivi per l'applicazione delle regole riguardanti i lavoratori stagionali 

Riguardo i prossimi obiettivi la Commissione annuncia una audizione con le parti sociali europee sui lavoratori stagionali , per  riflettere su azioni specifiche relative alla salute e sicurezza sul, nel contesto del prossimo quadro strategico dell'UE in materia di salute e sicurezza sul lavoro

La Commissione continuerà altresì a collaborare con l'Autorità europea del lavoro (ELA)  e  con l'organismo deputato alla  sicurezza nel lavoro in Europa EU -OSHA

Per quanto riguarda più specificamente i lavoratori stagionali cittadini di paesi terzi, la Commissione sta attualmente conducendo la valutazione del recepimento della direttiva 2014/36/UE da parte degli Stati membri.

Fonte: Commissione Europea



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Valutazione d'azienda e Affrancamento: Pacchetto
In PROMOZIONE a 119,90 € + IVA invece di 159,96 € + IVA fino al 2030-12-31
Affrancamento terreni 2020 (excel)
Scaricalo a 39,90 € + IVA
Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-11-10

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE