HOME

/

FISCO

/

EMERGENZA CORONAVIRUS

/

COVID 19 COME INFORTUNIO SUL LAVORO: CIRCOLARE INAIL

3 minuti, Redazione , 21/05/2020

Covid 19 come infortunio sul lavoro: circolare INAIL

Infezione da COVID 19 al lavoro e responsabilità del datore di lavoro Ecco la circolare INAIL di chiarimenti : Tutela senza responsabilità ne costi per l'impresa

E' stata pubblicata , come preannunciato ,  la circolare INAIL  n. 22 del 20 maggio 2020 che chiarisce la tutela per l'infezione da Covid 19 assicurata ai lavoratori dal decreto legge Cura Italia e già illustrata nella circolare del 3 aprile 2020 N. 13. Il nuovo intervento si è reso necessario per le proteste dettate dai timori dei datori di lavoro riguardo la possibile colpa a carico delle aziende in relazione alla tutela infortunistica .

L'istituto rassicura i datori di lavoro e  ricorda che l’articolo 42, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18 al comma 2 dispone:” che nei casi accertati di infezione da coronavirus (SARS- CoV-2) in occasione di lavoro, il medico certificatore redige il consueto  certificato di infortunio e lo invia telematicamente all’Inail che assicura, ai sensi delle vigenti disposizioni, la relativa tutela dell’infortunato. Le prestazioni Inail nei casi accertati di infezioni da coronavirus in occasione di lavoro sono erogate anche per il periodo di quarantena o di permanenza domiciliare fiduciaria dell’infortunato con la conseguente astensione dal lavoro. I predetti eventi infortunistici gravano sulla  gestione assicurativa e non sono computati ai fini della determinazione dell’oscillazione del tasso medio per biologici se contratte in occasione di lavoro, è tutelata dall’Inail quale infortunio sul lavoro e ciò anche nella situazione eccezionale di pandemia causata da un diffuso rischio di contagio in tutta la popolazione.

Si tratta della riaffermazione di principi vigenti da decenni, , afferma l'INAIL, nell’ambito della disciplina speciale infortunistica, confermati dalla scienza medico-legale e dalla giurisprudenza di legittimità in materia  di patologie causate da agenti biologici.
Le patologie infettive (vale per il COVID-19, così come per l’epatite e altre) contratte in occasione di lavoro sono da sempre, infatti, inquadrate e trattate come infortunio sul lavoro poiché la causa virulenta viene equiparata alla causa violenta propria dell’infortunio, anche quando i suoi effetti si   manifestino dopo un certo tempo.
In secondo luogo la norma dispone che l’indennità per inabilità temporanea assoluta copre anche il periodo di quarantena o di permanenza domiciliare fiduciaria   (ovviamente sempre che il contagio sia riconducibile all’attività lavorativa), con la conseguente astensione dal lavoro.

In terzo luogo è stato espressamente previsto che gli oneri degli eventi infortunistici del contagio non incidono sull’oscillazione del tasso medio per ndamento infortunistico, ma sono posti carico della gestione assicurativa nel suo complesso, a tariffa immutata, e quindi non comportano maggiori oneri per le imprese.
In altri termini, la scelta operata con il citato articolo 42 è stata quella dell’esclusione  totale  di qualsiasi incidenza degli infortuni da COVID-19 in occasione di lavoro sulla  misura del premio pagato dal singolo datore di lavoro, ciò in quanto tali eventi sono  stati a priori ritenuti frutto di fattori di rischio non direttamente e pienamente
controllabili dal datore di lavoro al pari degli infortuni in itinere.
In tali ultime fattispecie, infatti, l’Istituto riconosce la tutela assicurativa al lavoratore  infortunato nel tragitto casa-lavoro e viceversa, ma al datore di lavoro non viene
imputata alcuna conseguenza per l’evento infortunistico.
Viene precisato che il  riconoscimento dell’origine professionale del contagio, si fonda, su un  giudizio di ragionevole probabilità ed è totalmente avulso da ogni valutazione in ordine  alla imputabilità di eventuali comportamenti omissivi in capo al datore di lavoro che possano essere stati causa del contagio.

La responsabilità del datore di lavoro è ipotizzabile solo in caso di violazione  della legge o di obblighi derivanti dalle conoscenze sperimentali o tecniche, che nel  caso dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 si possono rinvenire nei protocolli e  nelle linee guida governativi e regionali di cui all’articolo 1, comma 14 del decreto  legge 16 maggio 2020, n.33.
Il rispetto delle misure di contenimento,  dunque è sufficiente a escludere la responsabilità civile del datore di lavoro, anche se non basta  per invocare la mancata tutela infortunistica nei casi di contagio da Sars-Cov-2, non essendo possibile pretendere   negli ambienti di lavoro il rischio zero. 

Trovi qui il Testo Unico  sulla sicurezza - D.Lgs 81 2008 - aggiornato a gennaio 2020

Ti puo  interessare l'ebook  "Lavoro e sicurezza: Casi reali " di R. Staiano. Formulario completo con giurisprudenza e facsimili di ricorso.

Tag: INAIL INAIL LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO EMERGENZA CORONAVIRUS EMERGENZA CORONAVIRUS

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

EMERGENZA CORONAVIRUS · 17/09/2021 Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro dal 15 ottobre: la bozza del decreto

Dal 15 ottobre Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro pubblici e privati, dove si applica e sanzioni: ecco la bozza del testo del decreto presentato al Consiglio dei Ministri

Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro dal 15 ottobre: la bozza del decreto

Dal 15 ottobre Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro pubblici e privati, dove si applica e sanzioni: ecco la bozza del testo del decreto presentato al Consiglio dei Ministri

Quarantena per contatto con positivi: fondi in arrivo per il 2021

Chi è interessato, a chi spetta pagare , la durata della quarantena per contatto con positivi. La mancanza di fondi per il 2021 dovrebbe essere sanata a breve

Green pass: inserita la categoria dei vaccinati guariti dal covid

Guida completa alla certificazione verde covid 19 o Green pass. Gli obblighi per bar, ristoranti, musei, piscine, scuola, trasporti ecc. Novità per la durata del certificato

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.