Rassegna stampa Pubblicato il 09/04/2020

Edilizia: chiarimenti sul DURC nell'emergenza COVID 19

Tempo di lettura: 2 minuti
appalti costruzioni edilizia

Le istruzioni operative CNCE per le richieste e le proroghe del DURC da parte delle Casse edili

Con  un comunicato  sul proprio sito la Commissione nazionale delle Casse edili ha dato ulteriori indicazioni  operative  sulla  proroga della validità del DURC online al 15 aprile 2020. Nello specifico si prevede che :

  • Per le istruttorie in corso di Durc richiesto prima del 17 marzo 2020 da parte di  soggetto in possesso di un Durc con scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, in  caso di irregolarità la Cassa, nell’impossibilità di annullare l’istruttoria come  indicato da Inps e Inail, la porterà a termine con esito di irregolarità ove esistente  (verrà poi annullata dai portali degli Istituto, qualora ciò non avvenisse la Cassa  potrà richiedere l’annullamento tramite PEC alla sede Inps competente
    territorialmente) e il richiedente potrà recuperare attraverso il portale Inps o Inail  il vecchio Durc in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, la cui validità è
    protratta al 15 giugno 2020.
  •  Per le istruttorie in corso di Durc richiesto prima del 17 marzo 2020 di imprese  non  in possesso di un Durc con scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020 le
    istruttorie saranno portate a termine regolarmente dalle Casse, con l’eventuale  invito a regolarizzare e/o con il rilascio della regolarità contributiva (120 giorni).
  •  Per tutte le nuove richieste di Durc effettuate dal 17 marzo al 15 aprile 2020 al  fine di chiudere un'istruttoria positiva come indicato dagli Istituto, a fronte di una  segnalazione in BNI, la Cassa deve necessariamente procedere alla  regolarizzazione, all'interno della BNI, del periodo interessato dalla richiesta del  Durc on Line, laddove vi siano irregolarità nei termini di pagamento scaduto al 31 agosto 2019 e per i periodi successivi.  Tale regolarizzazione temporanea (c.d. convenzionale) sarà verificata alla scadenza  della proroga amministrativa (come avviene attualmente per le rateizzazioni). 

La Cassa Edile/Edilcassa, pertanto, a fronte di una istruttoria collegata ad una  richiesta di durconline nel periodo suddetto, procede valutando il periodo di  competenza interessato dal credito, chiudendo l'istruttoria alternativamente:
- irregolare nel caso in cui il credito vantato sia per periodi di competenza luglio 2019  o antecedente;
- regolare in tutti gli altri casi (procedendo alla preventiva regolarizzazione convenzionale in BNI).

Si ricorda che  se la Cassa  procede con la regolarizzazione convenzionale dei periodi di  competenza successivi a luglio 2019,  oltre alla segnalazione  alla CNCE ,  al termine del periodo di emergenza  la cassa deve procedere alla verifica della situazione , segnalando ove necessario quest'ultima come irregolare  nel caso in cui non avesse ancora ottemperato al versamento del dovuto.

Fonte: Commissione nazionale casse edili




Prodotti consigliati per te

24,90 € + IVA
23,90 € + IVA
16,31 € + IVA
7,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)