IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 19/03/2020

Il Fondo "reddito di ultima istanza " salva i professionisti?

Tempo di lettura: 1 minuto
salario minimo denaro

Il Decreto Cura Italia riconosce ai professionisti iscritti alle Casse un’indennità per l’anno 2020 a valere su un apposito Fondo ma serve un decreto attuativo .

Commenta Stampa

L’art. 44 del D.L. n. 18/2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17 marzo 2020 istituisce il "Fondo per il reddito di ultima istanza " in favore di tutti i lavoratori danneggiati dall’epidemia da Covid 19 che ha determinato conseguenti riduzioni, sospensioni o cessazione della loro attività lavorativa.

Tra questi  rientrano espressamente  i professionisti iscritti alle casse professionali private ma solo nel caso che il reddito dell'anno precedente no superi i 10mila euro.

Prendendo atto che per questi lavoratori autonomi non è stato previsto accesso:
• alla moratoria sui mutui bancari e i leasing ( anche se una delle norme europee citate non li esclude. Il punto è controverso)
• al credito d’imposta sui canoni di locazione dell’immobile adibito a studio professionale
• all’indennità di 600 euro per il mese di marzo
• ai bonus fiscali per donazioni in denaro fatte per finanziare interventi sociali finalizzati al contenimento dell’infezione da Covid-19.

questo fondo di ultima istanza, finanziato con modalità che vedremo nel dettaglio e disciplinate all’art.126 dello stesso decreto, costituisce  una delle poche misure dedicate agli iscritti agli ordini professionali e andrà a copertura, per un massimo di 300 milioni di euro per l’annualità 2020.

Le modalità di attuazione del Fondo per il reddito di ultima istanza dovranno essere stabilite entro 30 gg dalla pubblicazione del decreto  con un decreto attuativo del ministero del lavoro di concerto con quello dell'Economia e  in accordo con le associazioni delle Casse professionali che potranno mettere a disposizione anche parte del Fondo interno.

Ma veniamo al dettaglio dell’art. 126 che stabilisce come verrà finanziato il Fondo per lavoratori e professionisti:
“è autorizzata l’emissione di titoli di stato per un importo fino a 25.000 milioni di euro per l’anno 2020. Tali somme concorrono alla rideterminazione in aumento del limite massimo di emissione di titoli di stato stabilito dalla legge di approvazione del bilancio e del livello massimo del ricorso al mercato stabilito dalla legge di bilancio, in conformità con la risoluzione di approvazione.”

Fonte: Gazzetta Ufficiale


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Detrazioni fiscali su immobili (Excel)
In PROMOZIONE a 79,90 € + IVA invece di 99,00 € + IVA fino al 2060-12-31
Pacchetto Dichiarativi 2021
In PROMOZIONE a 219,90 € + IVA invece di 389,30 € + IVA fino al 2060-12-31
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-05-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE