HOME

/

NORME

/

GIURISPRUDENZA

/

COMPENSAZIONE CREDITO ESISTENTE MA NON SPETTANTE: SANZIONI APPLICABILI

1 minuto, Redazione , 21/04/2020

Compensazione credito esistente ma non spettante: sanzioni applicabili

Compensazione credito: sanzione del 30% per credito non spettante e del 100-200% se inesistente: la pronuncia della CTR

Ascolta la versione audio dell'articolo

Nel caso esaminato dalla Ctr, l'Agenzia delle Entrate, a seguito di controllo, rilevava che, sui modelli di pagamento unificati F24, la contribuente aveva utilizzato in compensazione il credito d'imposta derivante dai costi sostenuti per attività di ricerca e sviluppo ma che tale credito risultava inesistente in quanto la contribuente non aveva indicato tali costi nella dichiarazione dei redditi e, di conseguenza, aveva emesso gli atti di recupero crediti in contestazione.

La contribuente sosteneva invece che l'indicazione dei costi nella dichiarazione fosse un obbligo puramente formale, in quanto il credito era esistente e poteva essere utilizzato in compensazione e che comunque le sanzioni non risultavano corrette. L’Agenzia chiedeva la riforma della Sentenza di primo grado (a favore della contribuente).

La Ctr Emilia Romagna, con Sentenza del 28 novembre 2019 n. 2342, nell'ambito dell'irrogazione delle sanzioni tributarie non penali nei confronti del contribuente (che abbia indebitamente utilizzato in compensazione un credito d'imposta), ha messo in rilievo la differenza tra l’ipotesi di credito d’imposta non spettante e quella in cui sia inesistente.

In particolare, sul piano sanzionatorio:

  1. sull’importo non spettante (individuato con controlli automatizzati) è prevista una pena pari al 30% dell’utilizzo del credito;
  2. nel caso in cui venga provata l’inesistenza del credito (mancando il presupposto costitutivo e la cui inesistenza non sia riscontrabile mediante controlli automatizzati), è invece possibile applicare la pena al 100-200% della misura dei crediti.

La Ctr ha infatti ritenuto corretto il recupero del credito operato dall'Agenzia ed invece errata l’applicazione della sanzione per credito inesistente (cfr. art. 13, comma 5, D.Lgs. n. 471/97).

La differenza tra le due ipotesi sopra descritte risulta fondamentale in termini di conseguenze sul piano delle sanzioni ma anche in relazione alla preclusione di misure agevolative e ai termini di accertamento.

Tag: DETERMINAZIONE IMPOSTA IRES DETERMINAZIONE IMPOSTA IRES CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2020 CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2020 GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

GIURISPRUDENZA · 29/06/2021 Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Responsabilità contribuente per mancata presentazione dichiarazione dal commercialista

Dichiarazioni fiscali omesse per condotta infedele del commercialista? Il contribuente non è sanzionabile

Licenziamento ritorsivo e soppressione del posto di lavoro

Dichiarato illegittimo il licenziamento di una lavoratrice per GMO se è falsa l'esternalizzazione del posto - Cassazione 13871 2021

Prestazioni di servizi e Iva: fatturazione all'incasso o all'effettuazione dell'operazione

La Cassazione, tornando sul momento della fatturazione e dell’esigibilità dell’IVA nella prestazione di servizi, conferma che si sta consolidando un nuovo orientamento sul tema

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.