Rassegna stampa Pubblicato il 13/01/2020

Saldo e stralcio: ecco le prossime rate in scadenza

Tempo di lettura: 1 minuto
saldo e stralcio

Saldo e stralcio: ecco le rate in scadenza nel 2020 e nel 2021. Chi non paga perde i benefici

Per non perdere i benefici della “Saldo e stralcio" i contribuenti devono ricordarsi di versare le rate alle scadenze corrette. Infatti, in caso di ritardato o mancato pagamento di una rata la misura agevolativa non si perfezionerà. Così qualsiasi versamento effettuato oltre i termini di scadenza della rata, sarà considerato solo a titolo di acconto sulle somme complessivamente dovute.

In caso di pagamento rateale dell'importo dovuto, le prossime 4 rate sono così suddivise:

  • 20% con scadenza il 31 marzo 2020;
  • 15% con scadenza il 31 luglio 2020;
  • 15% con scadenza il 31 marzo 2021;
  • il restante 15% con scadenza il 31 luglio 2021.

Si ricorda che, in base a quanto previsto dalla norma, Agenzia delle entrate-Riscossione, limitatamente ai debiti rientranti nell'ambito applicativo del "Saldo e stralcio" per i quali il piano dei pagamenti risulta in regola:

  • NON darà seguito alle procedure esecutive già avviate, salvo che non abbia avuto luogo il primo incanto con esito positivo;
  • NON avvierà nuove procedure cautelari o esecutive, mentre resteranno attivi i fermi amministrativi e le ipoteche già iscritti alla data di presentazione della domanda.

La legge prevede inoltre che vengano sospesi:

  • i termini di prescrizione e decadenza dei carichi inseriti nella domanda;
  • gli obblighi di pagamento derivanti da precedenti rateizzazioni.

Ti segnaliamo il pacchetto Pace Fiscale (Pacchetto eBook + Excel): eBook in pdf di 105 pagine sulle nove sanatorie del decreto 119/2018 ed il saldo e stralcio dei debiti,  + Excel per il calcolo delle sanatorie previste dal DL. 119/2018 (pacchetto pace fiscale) e dello Stralcio cartelle per persone in difficoltà L. 145/18 per "fare pace con il fisco".

Per approfondimenti segui gratuitamente il Dossier Rottamazione ter 2019: come fare

Fonte: Fisco e Tasse





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)