Rassegna stampa Pubblicato il 18/11/2019

Assegno figli a carico in aggiunta al RDC

Tempo di lettura: 2 minuti
decreto famiglia

Sulla legge Delega al Governo per l'assegno unico peri figli a carico e la dote unica per i servizi, accordo per il rinvio. RDC da mantenere dice la Ministra

Nel corso della riunione della Commissione Affari sociali  per l'esame  della Delega al Governo per riordinare e potenziare le misure a sostegno dei figli a carico attraverso l'assegno unico e la dote unica per i servizi. è stato deciso che  di due disegni di legge C. 687 Delrio e C. 2155 Gelmini  saranno unificati e il testo base sarà  il DDL Lepri-Del Rio. La presentazione deglii emendamenti e la discussione in aula sono slittati in avanti. Quindi con ogni probabilità le legge  sarà varata dopo  la legge di bilancio 2020.

All'incontro ha partecipato la Ministra del lavoro e delle politiche sociali, Nunzia Catalfo che ha ribadito l'intenzione del Governo  di adottare  un progetto complessivo oltre a specifici interventi fiscali, di sostegno e valorizzazione della famiglia.;  il tema  prevede di predisporre misure di sostegno all'educazione dei figli e alla frequenza degli asili nido, ma anche  considerare le questioni della parità salariale e dei congedi parentali.  Ha anche concordato con la Ministra per la Famiglia Bonetti, che si dovrà procedere  per passaggi graduali, che permettano di giungere progressivamente a un disegno equo, completo ed efficace, che tenga conto degli altri istituti e delle risorse disponibili. Ha  anche affermato che alcune misure sono già previste nella manovra  2020, che  sta compiendo il suo iter parlamentare e, pertanto, ogni intervento andrà coordinato . Anche gli altri componenti della Commissione si sono detti d'accordo nell'attendere il completamento della legge di bilancio prima di proseguire con l'approfondimento della legge delega.

La Ministra Catalfo, ha  suggerito di evitare criteri di delega troppo stringenti. Dato che  l'assegno unico  dovrà  avere un carattere il più possibile universale, ha invitato a porre una grande attenzione al rapporto con altri strumenti, quale ad esempio il reddito di cittadinanza.

Ad esempio  ha rilevato che occorre evitare che due famiglie con figli, entrambe in una situazione difficile in quanto percepiscono un basso livello di reddito, ricevano un trattamento diverso sulla base del fatto che una di esse già percepisca una sia pur ridotta integrazione monetaria, sulla base di quanto previsto dalla normativa sul reddito di cittadinanza. Naturalmente, per disciplinare ogni aspetto della materia, appare necessario svolgere approfondimenti di tipo tecnico, anche rispetto all'ISEE.

La Commissione ha deliberato di adottare come testo base per il prosieguo dell'esame la proposta di legge C. 687 Delrio QUI IL TESTO .

Il termine per la presentazione degli emendamenti  è stato fissato a  lunedì 25 novembre ed è stato  deliberato di chiedere il rinvio dell'esame del provvedimento in Assemblea.
 

Fonte: Parlamento Italiano





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)