Rassegna stampa Pubblicato il 24/10/2019

Impatriati: nuovo bonus negato agli stranieri

Tempo di lettura: 1 minuto
lavoratori impatriati opzione regime fiscale speciale

Interpretazione restrittiva del bonus per i ricercatori impatriati previsto dal dl Crescita, da parte della Direzione Lombarda dell'Agenzia delle Entrate

L'agevolazione potenziata dal DL crescita per i lavoratori impatriati, iscritti all'AIRE ma  non cancellati dall'anagrafe italiana,    non è applicabile ai cittadini stranieri.   Non risulta infatti applicabile la tassazione agevolata IRPEF (articolo 16, comma 5 ter, del Dlgs 147/2015)    modificata e potenziata dal DL 34 2019 Crescita. Questo quanto affermato dalla direzione regionale Lombardia dell'Agenzia delle entrate in risposta all'interpello di un ricercatore francese.

Si ricorda che il  decreto legge 34/2019  ha ampliato a 10 anni la riduzione fiscale per i lavoratori che rientrano in Italia per almeno due anni,   prevista dal Dlgs 147/2015.  Inoltre ha introdotto una sanatoria per coloro che  avevano goduto delle agevolazioni loro riservate  ma non avevano ottemperato all'obbligo di cancellarsi dal proprio comune di residenza iscrivendosi invece  all’Aire (Anagrafe italiani residenti all'estero)  durante il periodo all'estero. Per questo  moltissimi avevano ricevuto le contestazioni dell'Agenzia. La sanatoria è retroattiva e si applica anche ai contenziosi già  avviati, a patto che i contribuenti non abbiano spontaneamente versato le maggiori imposte dovute. 

Come anticipato, la direzione regionale Lombardia dell’Agenzia delle entrate ha dato però risposta negativa alla richiesta di questa nuova agevolazione per  un cittadino francese residente prima in italia , poi in Francia e ora di nuovo rientrato in Italia,  affermando che tale agevolazione si applica solo agli italiani perché così stabilisce il testo letterale del Dlgs 147/2015 introdotto dal Dl 34/2019.

Questa interpretazione potrebbe essere contestata sulla base dell'articolo 18 del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, che vieta qualsiasi discriminazione effettuata in base alla nazionalità dei cittadini comunitari. 

Ti potrebbero interessare gli ebook:

Se non trovi la tua risposta poni il tuo quesito sul Forum: Lavoro all'Estero - Rubrica per i lavoratori espatriati  

oppure utilizza il servizio personalizzato del nostro esperto dott. Luigi Rodella: Servizio Quesiti online

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti consigliati per te

42,00 € + IVA
35,70 € + IVA
 
16,90 € + IVA

Commenti

veramente il titolo non rifleta la verita; il nuovo bonus e negato a gli stranieri quando hanno gia visuto in italia, e che sono partiti senza cancelarci dell'anagrafe e ritornano dopo 2 anni perche l'esenzione VIES e valida solo per gli italiani.

Commento di FABRICE (08:23 del 27/10/2019)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)