Rassegna stampa Pubblicato il 23/10/2019

Sostanze pericolose : novità con la legge delega europea

Tempo di lettura: 1 minuto
ccnl chimica

Le novità in tema di salute e sicurezza nella legge di delegazione europea 2018 pubblicata in Gazzetta

 E' stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 245 del 18.10.2019 la legge 4 ottobre 2019, numero 117, recante "Delega al Governo per il recepimento delle direttive europee e l'attuazione di altri atti dell'Unione europea - Legge di delegazione europea 2018".  In particolare  molte deleghe riguardano  la salute e la sicurezza dei lavoratori. Uno dei problemi che hanno ricevuto  maggiore attenzione  è quello della tutela dalle sostanze pericolose sulla quale sono state emanate numerose direttive europee negli ultimi anni ed è stata anche promossa una specifica campagna di informazione per la prevenzionae denominata "Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in presenza di sostanze pericolose" dell'Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (Eu-Osha) .

Le tematiche su qui il Governo è  delegato ad emanare nuovi testi normativi , che riformeranno di conseguenza anche  l'attuale Testo unico (D. Lgs. 81 2008)  sono :

Tutela dalle Radiazioni ionizzanti:  attualmente  la disciplina è contenuta nel Dlgs 17 marzo 1995, numero 230 . Con la legge 117/2019, si vuole riformare l'intera materia,  sia per quanto riguarda i requisiti, i compiti e le responsabilità delle figure professionali coinvolte  che per l'adozione di un  Piano nazionale radon ( Su questo esistono gia normative regionali apprezzabili ma che danno luovo a regimi differenziati.

Esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni.  Su questo tema si intende recepire  la direttiva Ue 2017/2398. Da segnalare un nuovo documento che sostituisce l'allegato III relativo ai valori limite previsti per alcune sostanze come il cloruro di vinile monomero, le polveri di legno duro, il cromo VI, le fibre ceramiche refrattarie, l'ossido di etilene, la polvere di silice libera e l'idrazina.

Si ricorda che gli Stati membri  non hanno molto tempo  per adeguarsi : la scadenza è fissata al  17 gennaio 2020,  con probabili sostanziali  modifiche al Dlgs 81/2008.

Fonte: Il Sole 24 Ore





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)