Rassegna stampa Pubblicato il 22/10/2019

Assegno unico figli: nuova proposta fino a 21 anni

bonus bebe fratelli secondo figlio

Iniziati i lavori di esame del ddl Delrio. Si affianca una nuova proposta di legge a firma Gelmini con alcune importanti differenze. Ecco il progetto di legge

In  Commissione Affari sociali (XII) è continuato il 17 ottobre l'esame  del ddl C. 687 Delrio  " Delega al Governo per riordinare e potenziare le misure a sostegno dei figli a carico",  attraverso l'assegno unico per i figli e la costituzione di un Fondo unico per i servizi  e le prestazioni sociali alla famiglia e per la disabilità. E' stato anche deciso l'abbinamento  dell'esame della nuova  proposta di legge ( n. C. 2155) a firma Gelmini e Carfagna, che vale la pena di illustrare.  

Il nuovo progetto di legge per alcuni  versi ricalca la proposta Lepri Del Rio,   ma se ne discosta anche molto perche non semplifica affatto la situazione del sostegno alle famiglie. Infatti  prevede   due regimi diversi:

  1. uno con assegno per i figli fino a 21 anni , di 150 euro ma  eliminazione  di alcune agevolazioni per le famiglie con un certo ISEE  e
  2. uno che mantiene le cose come stanno,  per quelle ad alto reddito. 

In particolare: 

1 - Nel primo caso si prevede per ogni figlio nato o  adottato un assegno mensile di 150 euro  per dodici mensilità, fino al compimento  del ventunesimo anno di età, per le famiglie  con valore dell’ISEE:

  • non superiore a 70.000 euro annui, quando il nucleo familiare comprenda un solo figlio avente i requisiti o 
  •  90.000 euro annui, quando il nucleo familiare comprenda più figli o comunque un figlio con  disabilità accertata

Nei confronti dei soggetti beneficiari del contributo mensile verrebbe sospesa la fruizione di :

  • detrazioni per i figli a carico;
  •  assegni familiari 
  • assegno per il nucleo familiare 
  • assegno ai nuclei familiari con almeno tre  figli minori;
  • bonus Renzi di 80 euro 

Inoltre una clausola di salvaguardia, garantirebbe l'assegno se  questo risultasse inferiore ai benefici sopracitati.

2-   Per le famiglie non beneficiarie, con ISEE superiore al limite ,  resterebbero invece  in vigore le norme vigenti  su detrazioni e assegni familiari.

Le risorse necessarie al finanziamento dell’assegno per ciascun figlio sono quelle  rese disponibili dalla  sospensione delle suddette norme in  a cui andrebbero aggiunti 4 miliardi di euro annui,  da reprerire dal  Fondo  per il   reddito di cittadinanza

Questa proposta si differenzia dal DDL DELRIO perche in tutti i casi non elimina  le misure  già operative  come: 

  • il cosiddetto « bonus bebé » (articolo 1, comma 125, della legge n. 190 del 2014),
  • il cosiddetto « bonus mamma » (articolo 1, comma 353, della legge n. 232 del 2016), ossia 800 euro una tantum al compimento del 7°mese o dell'adozione
  • e il cosiddetto « bonus asili nido » (articolo 1, comma 355, della legge  232 del 2016).

Per le famiglie sotto i 70mila euro dunque  l'assegno  di 150 euro mensili  si aggiungerebbe come ulteriore riconoscimento  per il sostegno della famiglia .
Secondo le relatrici la scelta di destinare parte di  quanto stanziato per il reddito di cittadinanza,   in favore di un assegno  per i figli fino a ventuno anni di età risulterebbe piu fruttuosa.
Inoltre la scelta di indicare il limite di ventuno  anni come età massima, spiegano "deriva non solo dall’esigenza di  avere una copertura economica certa, ma  anche dal fatto di stimolare i giovani a una  maggiore responsabilità verso se stessi e verso la loro  famiglia di origine".

Come detto questo progetto non aiuta a semplificare  ne la gestione ne la richiesta dei contributi da parte delle famiglie ma è vero anche che il riordino completo che è nei piani invece del Governo sembra molto complesso e lungo  da realizzare. 

Ti puo interessare la Scheda informativa "NASPI 2018: importi requisiti, domanda" di R. Quintavalle e l'ebook Reddito di Cittadinanza 2019 di R. Staiano

E' disponibile anche il volume "Formulario commentato sui diritti dei lavoratori nel fallimento " di L. Nigro (libro di carta - 252 pagine -Maggioli editore)

Fonte: Parlamento Italiano


1 FILE ALLEGATO



Prodotti per La rubrica del lavoro , Assegni familiari e ammortizzatori sociali

 
39,00 € + IVA
32,00 € + IVA
27,20 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)