HOME

/

LAVORO

/

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI

/

CIG IN DEROGA: ISTRUZIONI PER LE AZIENDE

2 minuti, Redazione , 23/08/2019

CIG in deroga: istruzioni per le aziende

Nuovo termine di decadenza dei pagamenti diretti dei trattamenti di integrazione salariale in deroga. Circolare INPS n. 120 2019

L'INPS ha  pubblicato ieri una circolare ( n. 120 2019)  che chiarisce il nuovo termine di decadenza relativo ai pagamenti diretti dei trattamenti di integrazione salariale in deroga. (Comma 6-ter dell’articolo 44 del D.lgs n. 148/2015, introdotto dall’articolo 26-quater del D.L. n. 4/2019, convertito dalla legge 28 marzo 2019, n. 26)

Il decreto convertito in legge infatti ha stabilito  che per  ottenere il pagamento diretto dall'INPS dei trattamenti  Cig in deroga il datore di lavoro deve inviare tutti i dati all'Inps  entro sei mesi dalla fine del periodo di paga in corso alla scadenza del periodo di  cassa integrazione e a partire dalla data  del provvedimento INPS di autorizzazione, se successivo.
In particolare , l'Istituto specifica , in tema di calcolo dei sei  mesi,  che :

1 - per i periodi di Cig in deroga concessi e conclusi prima dell'entrata in vigore della legge 26/2019, cioè il 30 marzo,

  • Se l'autorizzazione è stata emessa prima del 30 marzo i sei mesi si calcolano da tale data;
  • se l'autorizzazione è stata emessa dal 30 marzo il termine decorre dalla data di autorizzazione;

2 - Se, invece, il provvedimento risale a prima del 30 marzo, ma la Cig si è conclusa dopo, i sei mesi decorrono dal periodo di paga in corso alla scadenza del periodo concesso o dalla data di emissione dell'autorizzazione.

Le aziende dovranno utilizzare  il modello Sr41 .  La data di decadenza sarà visibile in “sistema unico” nel campo “data di scadenza dell'autorizzazione”.

Queste regole non si applicano alle normative speciali con cui è stata prevista la concessione di un'indennità pari al massimo della Cig . Restano escluse ad esempio le autorizzazioni emesse per decreti convenzionali “30000” (eventi sismici) e “18130” (Ponte Morandi).

Da notare anche che , nel caso in cui la Regione o la Provincia autonoma abbia, con proprio atto dispositivo, disposto la cessazione degli effetti finanziari dei propri decreti, secondo le istruzioni contenute nei messaggi n. 347 del 24/01/2018 e n. 3156 del 10/08/2018, non potranno dar luogo a pagamenti i flussi inviati successivamente alla data di cessazione posta dalla Regione o dalla Provincia autonoma, anche se antecedente al termine previsto dalla legge. La Regione o la Provincia autonoma, con proprio atto dispositivo esplicito e puntuale, può, in questi casi, disporre la riapertura dei termini di pagamento, esclusivamente all’interno dei termini decadenziali previsti per legge.

Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 27/07/2021 Fondo aereo: richieste Cassa integrazione entro il 31.7

La legge di conversione del sostegni bis prevede la proroga al 31 .7 per i periodi di integrazione salariale scaduti tra il1° febbraio 2020 al 30 aprile 2021. Istruzioni INPS

Fondo  aereo: richieste Cassa  integrazione entro il 31.7

La legge di conversione del sostegni bis prevede la proroga al 31 .7 per i periodi di integrazione salariale scaduti tra il1° febbraio 2020 al 30 aprile 2021. Istruzioni INPS

Bonus nido 2021: guida, importi, domande

Guida al Bonus Asilo Nido/Supporto domiciliare confermato anche per il 2021 con importi raddoppiati. Chi ha diritto, come si fa domanda; cumulabilità Le ultime indicazioni INPS

Finanziamenti aree di crisi complessa: il riparto alle Regioni

In arrivo i fondi per i trattamenti di integrazione e mobilita in deroga Messaggio INPS N. 2584 del 13 luglio 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.