Rassegna stampa Pubblicato il 23/08/2019

Fondo mancati pagamenti anche per i professionisti

Tempo di lettura: 1 minuto
finanziamento professionisti

Ampliamento ai professionisti del fondo per le vittime dei mancati pagamenti - Circolare MISE n. 0312471

La legge di stabilità 2017 ha istituito il “Fondo per il credito alle imprese vittime di mancati pagamenti” con la finalità  di ripristinare la liquidità di piccole e medie impreseche risultano potenzialmente in crisi in quanto vittime di mancati pagamenti da parte di imprese debitrici imputate dei delitti di cui agli articoli 629 (estorsione), 640 (truffa), 641 (insolvenza fraudolenta) del codice penale e di cui  all’articolo 2621 del codice civile (false comunicazioni sociali).   Le agevolazioni consistono in finanziamenti a tasso zero, fino a 500mila euro e con durata compresa tra i tre e i dieci anni

Con il decreto crescita n. 34 2019 l'agevolazione è stata  ampliata anche ai professionisti con lo stanziamento di ulteriori 10 milioni di euro.

Il  ministero dello Sviluppo economico, con la circolare 7 agosto 2019, n. 0312471 ha indicato le modalità di presentazione, ammissione ed erogazione delle domande di finanziamento agevolato  per fronteggiare situazioni di crisi per mancati pagamenti.

La procedura è riservata a  professionisti e Pmi  che risultino parti offese in un procedimento penale, che sia stato avviato in data precedente la presentazione della domanda, che abbia per oggetto mancati pagamenti da parte di debitori imputati di delitti commessi nell’ambito dell’attività di impresa.I professionisti devono risultare  iscritti a un ordine professionale  o ad una associazioni professionale iscritta all'elenco  Mise in base alla legge 4/2013.

  •  Per le domande delle PMI , necessariamente iscritte al Registro delle imprese , è disponibile una procedura informatica, gestita da Invitalia. Serve una casella Pec.
  • le domande di accesso  dei professionisti vanno inviate tramite posta elettronica certificata all’indirizzo «[email protected]».

Le domande saranno gestite secondo l’ordine cronologico di presentazione o in base al momento di completamento della documentazione richiesta dal Mise. Le irposte saranno  date  velocemente: entro sessanta giorni dalla presentazione, potrà essere  adottato il provvedimento di concessione del finanziamento completo del piano  di ammortamento del prestito.

Per l'erogazione materiale del finanziamento, normalmente in un’unica soluzione sono previsti altri due mesi di tempo.

Nel Focus sulle Agevolazioni  e-book e fogli di calcolo tra i quali ti segnaliamo: 

Le agevolazioni per imprese e professionisti eBook 2020

Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico






Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)