Rassegna stampa Pubblicato il 14/03/2019

Salario minimo: benefici per il 22% dei lavoratori

All'esame della commissione del Senato i due progetti di legge sul salario minimo fra i dubbi di sindacati e dei datori di lavoro Porterebbe un beneficio per il 22% dei lavoratori

CCNL tabelle stipendio

E' iniziato al Senato l’esame in commissione Lavoro del Senato  sui  due progetti di legge sul salario minimo  a firma di Nunzia Catalfo (M5S) e Mauro Laus (Pd).  La discussione in Aula è progrsammata per il  21 marzo, ma la presidente di Commissione Catalfo ha specificato che intende ascoltare tutte le parti sociali coinvolte e le audizioni sono in corso  . 

Ricordiamo che :

1-   La  proposta  del Movimento 5 Stelle a firma della stessa senatrice  Catalfo prevede  un trattamento economico complessivo,  non inferiore a quello previsto dal contratto collettivo nazionale in vigore per il settore e per la zona nella quale si eseguono le prestazioni di lavoro, stipulato dalle associazioni dei datori e dei prestatori di lavoro più rappresentative sul piano nazionale, e comunque non inferiore a 9 euro all'ora al lordo degli oneri contributivi e previdenziali. Inoltre in tema di  rappresentatività del contratto collettivo prevalente si applicano per le organizzazioni dei lavoratori i criteri associativo ed elettorale di cui al testo unico della rappresentanza, recato dall'accordo del 10 gennaio 2014 tra Confindustria, CGIL, CISL e UIL, e per le organizzazioni dei datori di lavoro i criteri del numero di imprese associate in relazione al numero complessivo di imprese associate e del numero di dipendenti delle imprese medesime in relazione al numero complessivo di lavoratori impiegati nelle stesse.

2. La proposta del PD  - a firma Laus,  Boldrini,  Cirinnà  invece  prevede:    un  salario minimo orario   non  inferiore a 9 euro l'ora al netto dei contributi previdenziali e assistenziali,  applicabile a  tutti i rapporti  di lavoro, che andrebbe incrementato il 1° gennaio di ogni anno in base alla variazione dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati definito dall'Istituto nazionale di statistica.

  Per ora pero sia dagli industriali che dai sindacati emerge molta perplessità . Si teme soprattutto la fine dei  contratti collettivi nazionali di lavoro  : «Va garantito il rispetto delle regole e della giusta retribuzione del lavoro, a prescindere dalla sua fonte di regolazione - ha detto il direttore dell’area lavoro, welfare e capitale umano di Confindustria, Pierangelo Albini -. Il perimetro delle garanzie e delle tutele offerte al lavoratore dal sistema dei Ccnl è ben più esteso del mero trattamento economico minimo».

Anche Cgil, Cisl e Uil chiedono che venga piuttosto valutata la possibilità di «assumere i minimi tabellari dei Ccnl come salario orario minimo per legge», mentre l'Alleanza delle Cooperative è favorevole a «determinarlo per legge solo nei settori dove non c’è contrattazione sottoscritta da parti più rappresentative».

E' stato intanto illustrato proprio ieri con le audizioni di INPS e ISTAT che il salario minimo di 9 euro  orari lordi sarebbe un   miglioramento per ben il 22% dei lavoratori del settore privato (dei quali il 38% sono under 35) . Contemporaneamente cio significherebbe un aggravio di costi per  un milione  e mezzo di aziende pari a  circa 3,2 miliardi complessivi, con una diminuzione  media del Margine operativo lordo all'1,2% .

In Italia si registra attualmente che il 90% delle retribuzioni minime sono stabilite dalla contrattazione collettiva . L'OCSE  ricorda tra l'altro che  il salario minimo esiste in 28 dei 36 paesi OCSE (i piu industrializzati del mondo)  ma che 9 euro lordi  costituiscono un importo tra i piu alti , a livello del Lussemburgo come potere d'acquisto.

Lo stesso presidente del CNEL l'ex ministro Treu  ha ammonito che  i minimi salariali devono sempre tenere conto della rappresentatività datoriale  e sindacale per cui  c'è bisogno in prima battuta di definire le regole sulla rappresentatività, piu volte annunciate e per le quali è stato costituito un gruppo di lavoro presso l'ente. Ha anche affermato che nulla vieta che salario minimo e minimi contrattuali coesistano nello stesso ordinamento giuridico, purche separati e distinti.

Ti potrebbero  interessare i nuovi e- book  " Reddito di cittadinanza" ed. 2019 e "Quota 100"  a cura della Prof. R. Staiano 

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti per La rubrica del lavoro , Lavoro Dipendente

prodotto_fiscoetasse
70,86 € + IVA

In PROMOZIONE a

44,15 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
44,92 € + IVA

In PROMOZIONE a

34,24 € + IVA

prodotto_fiscoetasse

SCARICALO a

14,90 €

prodotto_fiscoetasse
28,65 € + IVA

In PROMOZIONE a

18,17 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
12,21 € + IVA

In PROMOZIONE a

10,57 € + IVA

fino al 31/03/2019


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)