HOME

/

FISCO

/

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI

/

DL SOSTEGNI: INCENTIVI ACQUISTO DI MOTOVEICOLI NON INQUINANTI CON ROTTAMAZIONE

Dl Sostegni: incentivi acquisto di motoveicoli non inquinanti con rottamazione

Cambiano le regole per gli incetivi per l'acquisto di veicoli a due ruote non inquinanti. Il Sostegni in conversione prevede la possibilità di un credito di imposta per i venditori

Con un emendamento sono stati introdotti i nuovi commi 15-bis e 15-ter che cambiano le modalità per il recupero del contributo al venditore versato dalle  imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo che usufruisce del bonus per la mobilità sostenibile per i veicoli elettrici a due ruote.

La novità consiste nel fatto che il recupero ora potrà avvenire sotto forma di credito di imposta da utilizzare in compensazione, senza altre specifiche.

Il testo precedente (comma 1061 dell'art. 1 della legge di 145/2018) prevedeva invece la possibilità di compensazione esclusivamente per il versamento delle ritenute dell'imposta sul reddito delle persone fisiche operate in qualità di sostituto d'imposta sui redditi da lavoro dipendente, dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, dell'imposta sul reddito delle società e dell'imposta sul valore aggiunto, dovute, anche in acconto, per l'esercizio in cui viene richiesto al pubblico registro automobilistico l'originale del certificato di proprietà e per i successivi.

Un provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate, da adottare entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto a definire le modalità attuative delle nuove disposizioni.

Come specificato nel dossier della conversione del Sostegni alla disposizione originaria (acquisti effettuati nel 2019) e alle modifiche  (acquisti effettuati nel 2020) sono stati ascritti effetti di maggiore spesa in conto capitale pari a:

  • 10 milioni per il 2019
  • 8 milioni per il 2020
  • 20 milioni per il 2021-2023

Facciamo un riepilogo.

La legge di bilancio 2019 disciplina incentivi in caso di acquisto di motoveicoli elettrici o ibridi nuovi e la contestuale consegna per la rottamazione del veicolo appartenente alle categorie:

  • Euro 0,
  • Euro 1
  • o Euro 2

al fine di favorire l'acquisto di veicoli ecologici ed eliminare progressivamente dalla circolazione i mezzi di trasporto più inquinanti.

L'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sul tema con la Risoluzione 32 del 28 febbraio 2019.

In pratica, il venditore riconosce un contributo corrisposto all’acquirente, mediante compensazione con il prezzo di acquisto del veicolo nuovo (ossia, sotto forma di sconto sul prezzo di acquisto). 

Il contributo verrà successivamente rimborsato al venditore dalle imprese costruttrici o importatrici del veicolo acquistato. A loro volta, alle imprese costruttrici o importatrici del veicolo è riconosciuto un credito d’imposta in misura pari al contributo rimborsato al venditore e da quest’ultimo riconosciuto all’acquirente.

Per quanto concerne la misura incentivante, a coloro che, nel corso dell’anno 2019, acquistano in Italia, anche in locazione finanziaria, un veicolo elettrico o ibrido nuovo di fabbrica, di potenza inferiore o uguale a 11 kW, delle categorie L1 e L3 e che consegnano per la rottamazione un veicolo delle medesime categorie di cui siano proprietari o utilizzatori, in caso di locazione finanziaria, da almeno dodici mesi, è riconosciuto un contributo pari al 30% del prezzo di acquisto, fino ad un massimo di 3.000 euro, nel caso in cui il veicolo consegnato per la rottamazione appartenga alle categorie Euro 0, Euro 1 o Euro 2. Sono previste specifiche condizioni ai fini del riconoscimento della spettanza del contributo in favore dell’acquirente, con particolare riferimento, fra l’altro, agli obblighi di demolizione del veicolo usato e di richiesta di cancellazione allo sportello telematico dell’automobilista nonché al divieto di reimmettere in circolazione i veicoli usati.

Quindi, le imprese costruttrici o importatrici del veicolo nuovo rimborsano al venditore l’importo del contributo e recuperino detto importo quale credito d’imposta. In base a quanto espressamente stabilito dalla Legge di bilancio 2019, tale credito d’imposta è utilizzabile per il versamento delle ritenute dell’IRPEF operate in qualità di sostituto d’imposta sui redditi da lavoro dipendente, dell’IRPEF, dell’IRES e dell’imposta sul valore aggiunto (IVA), dovute, anche in acconto, per l’esercizio in cui viene richiesto al pubblico registro automobilistico l’originale del certificato di proprietà e per i successivi.
Per quanto riguarda gli specifici obblighi di conservazione dei documenti da parte delle imprese costruttrici o importatrici, queste fino al 31dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata emessa la fattura di vendita, devono conservare la seguente documentazione, che deve essere ad esse trasmessa dal venditore:

  1. copia della fattura di vendita e dell’atto di acquisto;
  2. copia del libretto e della carta di circolazione e del foglio complementare o del certificato di proprietà del veicolo usato o, in caso di loro mancanza, copiadell’estratto cronologico; e
  3. originale del certificato di proprietà relativo alla cancellazione per demolizione, rilasciato dallo sportello telematico dell’automobilista.

Tag: AGEVOLAZIONI COVID-19 AGEVOLAZIONI COVID-19 LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 06/12/2021 Esonero agricoltura Dl 137/2020: scadenza prorogata dal 4 al 13 dicembre

Proroga in extremis per la domanda di esonero contributivo per imprese agricole e autonomi di novembre e dicembre 2020 e gennaio 2021. Tutte le istruzioni

Esonero agricoltura Dl 137/2020: scadenza prorogata dal 4 al 13 dicembre

Proroga in extremis per la domanda di esonero contributivo per imprese agricole e autonomi di novembre e dicembre 2020 e gennaio 2021. Tutte le istruzioni

Decreto Fisco Lavoro collegato alla Manovra 2022: il testo approvato con modifiche

Il testo del Decreto Fisco Lavoro (n. 146/2021) collegato alla legge di Bilancio 2022 approvato con modificazioni dal Senato nella seduta del 2 dicembre: gli articoli a confronto

Fondo perduto perequativo: le domande dal 29.11 Ecco modello e istruzioni

L'1.12 in GU n 286 il decreto MEF con la percentuale di calcolo del fondo perduto perequativo. Per le domande c'è tempo fino al 28 dicembre. Vediamo a chi spetta

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.