Rassegna stampa Pubblicato il 14/02/2019

Somministrazione illecita:chiarimenti dell'Ispettorato

cassazione dichiarazione fraudolenta pinocchio-168

L'Ispettorato Nazionale del Lavoro ha emanato la Circolare n. 3 2019 con indicazioni sulla nuova fattispecie della somministrazione fraudolenta, reintrodotta dal Decreto dignità

L'Ispettorato Nazionale del Lavoro  ha emanato la Circolare n. 3 dell'11 febbraio 2019 con indicazioni operative sulla nuova fattispecie della somministrazione fraudolenta, reintrodotta ad opera della Legge 9 agosto 2018 n. 96 di conversione del D.L. 12 luglio 2018, n. 87,"Decreto dignità".

In particolare l'ispettorato ricorda in tema di appalto illecito e somministrazione fraudolenta che  la circolare ML n. 5/2011 aveva già affrontato il tema dell’appalto stipulato al fine di eludere norme inderogabili di legge o contrattuali, autorizzando gli ispettori del lavoro all’adozione della prescrizione obbligatoria nei confronti:

  • dello pseudo committente e dello pseudo appaltatore, attraverso l’intimazione alla immediata cessazione dell’azione antidoverosa;
  • del committente fraudolento alla regolarizzazione alle proprie dipendenze dei lavoratori impiegati.

chiarendo anche  che, nei confronti del medesimo committente-utilizzatore fraudolento, poteva essere adottato il provvedimento di diffida accertativa per le somme maturate dai lavoratori impiegati nell’appalto a titolo di  differenze retributive non corrisposte.

Al riguardo,  si raccomanda che le circostanze  siano suffragate anche  dall’acquisizione di elementi istruttori ulteriori quali, ad esempio, la situazione finanziaria non positiva dell’impresa committente desumibile anche dalla consultazione delle banche dati degli Istituti previdenziali e dello stesso Ispettorato.
In questo senso, anche in assenza di una condizione di sofferenza dell’impresa, può assumere rilevanza la considerazione della impossibilità, a fronte del fatturato annuo, di sostenere i costi del personale necessarioper far fronte a lla propria attività.
Al di fuori dei casi di appalto illecito l'Ispettorato osserva che il reato di somministrazione fraudolenta può realizzarsi coinvolgendo agenzie di somministrazione autorizzate, oppure nell’ambito di distacchi di personale  “non autentico”  oppure nel caso in cui  un datore di lavoro licenzi un proprio dipendente per riutilizzarlo tramite agenzia di somministrazione, violando norme di  legge o di contratto collettivo.

In ogni caso, qualora la somministrazione fraudolenta si realizzi per il tramite di una agenzia autorizzata,è indubbio che la prova in ordine alla “specifica finalità” prevista dall’art. 38 bis debba essere più rigorosa. 

La circolare ricorda, infine, che in caso di accertamento di un appalto  con il requisito della fraudolenza, il personale ispettivo dovrà̀ contestare  sia  la violazione amministrativa  e adotterà la prescrizione obbligatoria attraverso l’assunzione dei lavoratori , sia  il provvedimento di diffida accertativa ex articolo 12 del Dlgs n. 124/2004 nei confronti del committente, sulla scorta del ccnl  applicato dall'azienda.

Fonte: Ispettorato nazionale del lavoro


1 FILE ALLEGATO



Prodotti per Riforme Governo Conte, La rubrica del lavoro , Lavoro Dipendente

prodotto_fiscoetasse
26,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

22,10 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
38,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

32,30 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
28,65 € + IVA

IN PROMOZIONE A

18,17 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
34,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

28,90 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
70,86 € + IVA

IN PROMOZIONE A

44,15 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
44,92 € + IVA

IN PROMOZIONE A

34,24 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
32,70 € + IVA

IN PROMOZIONE A

28,61 € + IVA


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)