Rassegna stampa Pubblicato il 16/01/2019

Fatturazione elettronica 2019: invio fatture tramite pec

168x126 pec posta

Fattura elettronica 2019: se inviata direttamente via PEC è "non emessa". Necessaria la trasmissione del file XML al SDI

Staffetta di "postini virtuali" se l'invio della fattura elettronica avviene tramite pec. A chiarire il funzionamento di questa fattispecie è l'Agenzia delle Entrate nelle risposte alle FAQ pubblicate recentemente. 

Nel dettaglio è stata posta all'Agenzia delle Entrate la seguente domanda "Voglio usare la mia PEC per inviare le mie fatture elettroniche ai miei clienti: come devo procedere? Quale indirizzo email devo inserire quando compilo la PEC, quello del cliente o quello del Sistema di Interscambio?" Nel rispondere l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che per inviare la fattura elettronica ai propri clienti occorre sempre trasmettere il file (XML) della fattura al SDI (Sistema di Interscambio) che proprio come un postino, provvederà a consegnare in modo sicuro il file della fattura all’indirizzo telematico che il cliente (partita IVA) avrà comunicato.

Attenzione va prestata al fatto che la fattura elettronica che viene inviata direttamente alla casella PEC del cliente, non passando per il SdI, si ha per non emessa. E' infatti indispensabile la trasmissione del documento elettronico al Sistema di Interscambio. 

Se si usa la PEC per inviare il file della fattura elettronica al SdI, si dovrà seguire i 3 passaggi seguenti

  1. predisporre il messaggio di PEC
  2. inserire il file XML della fattura elettronica come allegato del messaggio di PEC
  3. inserire e inviare, la prima volta, il messaggio di PEC all’indirizzo [email protected]

Una volta ricevuta la PEC, il SdI comunicherà – con apposito messaggio inviato allo stesso indirizzo PEC da cui  ha ricevuta la email – un nuovo indirizzo PEC-SdI a cui inviare le successive PEC contenenti le altre fatture elettroniche.

Per approfondire ti segnaliamo:

Fonte: Agenzia delle Entrate





Commenti

Se non fosse che SIAMO OBBLIGATI a sottostare a questa idiozia, mi verrebbe da rire che è una roba da mentecatti.

Ho inviato la fattura elettronica al mio cliente, sono ormai dieci giorni, non ha ricevuto nulla, non mi paga... io però dovrò versare l'IVA relativa a quella operazione.

Io mi chiedo; ma con la crisi che già c'è, con tutte le cose a cui dobbiamo pensare, che bisohgno c'era di affliggerci con una procedura che ha complicato l'unica cosa semplice che era rimasta, a che scopo ?

Pensano veramente che nel mare di fatture che transiteranno, LORO,riuscirannpo a individuare le industrie cartiere ? Ma per carità, tutta questa cosa, adesso che la stiamo mettendo in pratica, risulta essere ancora più astrusa e farraginosa di quello che avevamo immaginato. UNA VERA IDIOZIA. Per non parlare dei programmi di fatturazione messi a disposizione, poco pratici, poco curati, farraginosi anc'essi come tutta questa faccenda, fatti alla "carlona" che tanto noi poveri citrulli siamo obbligati a installarli e quindi ce li dobbiamo prendere come sono, sono.

Io rimango del mio parere: questa è una truffa colossale.

Commento di Miky (20:40 del 16/01/2019)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)