HOME

/

FISCO

/

REDDITI SOCIETÀ DI CAPITALI 2021

/

INTERESSI SU FINANZIAMENTI SVIZZERI: SI APPLICA SEMPRE IL REGIME CONVENZIONALE

2 minuti, Redazione , 25/10/2018

Interessi su finanziamenti svizzeri: si applica sempre il regime convenzionale

Il regime del 12,5% si applica anche agli importi corrisposti da persone fisiche private, non sostituti d’imposta

Con risposta all’interpello n. 41/2018, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che è possibile usufruire del regime convenzionale contro le doppie imposizioni anche in relazione agli interessi corrisposti dai privati, che non sono sostituti d’imposta.
Nel documento di prassi si affronta il caso specifico di una Banca residente in Svizzera, senza stabile organizzazione in Italia, che effettua finanziamenti a favore di imprenditori e persone fisiche private residenti in Italia. I finanziamenti erogati:

  • agli imprenditori sono stati assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta;
  • alle persone fisiche private non sono stati tassati.

La Banca chiede all’Agenzia delle Entrate quale sia il corretto trattamento fiscale quando il soggetto italiano che paga gli interessi è un privato senza qualifica di sostituto d’imposta, in particolare se:

  • a tali soggetti possa essere applicata l’aliquota del 12,5%, prevista all’art. 11 della Convenzione contro le doppie imposizioni, stipulata tra Italia e Svizzera;
  • se tale aliquota possa essere applicata direttamente dalla Banca in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi ai fini IRES.

L’Agenzia delle Entrate ricorda innanzitutto che, in linea generale, tutti i redditi di capitale percepiti da non residenti -compresi quelli realizzati nell’esercizio di attività commerciale senza stabile organizzazione in Italia- sono assoggettati a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta. Tuttavia, quando gli interessi non sono corrisposti da un sostituto d’imposta, il non residente che svolge attività commerciale deve assoggettare a imposizione i redditi prodotti in Italia presentando apposita dichiarazione. La Convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Svizzera prevede, come regola generale, che gli interessi siano imponibili nello Stato di residenza del soggetto percettore. Tuttavia stabilisce anche che tali interessi siano imponibili anche nello Stato della fonte “ma, se la persona che percepisce gli interessi ne è l’effettivo beneficiario, l’imposta così applicata non può eccedere il 12,5 per cento dell’ammontare degli interessi”.

Poiché la  disposizione non circoscrive l’aliquota ridotta del 12,50% ai soli casi in cui interviene un sostituto d’imposta, l’Agenzia ritiene che l’istante possa godere del trattamento convenzionale più favorevole (quindi aliquota del 12,5%) anche in relazione agli interessi corrisposti dai privati, sprovvisti della qualifica di sostituto d’imposta. Nel caso specifico, in relazione agli interessi percepiti nel periodo d’imposta 2017 a fronte dei finanziamenti concessi a persone fisiche residenti in Italia, l’istante potrà applicare l’aliquota convenzionale direttamente nel Modello Redditi SC 2018, Quadro RN, Rigo RN7, indicando in colonna 2 l’aliquota del 12,50%.


 


Allegato

Risposta interpello 41/2018

Tag: REDDITI SOCIETÀ DI CAPITALI 2021 REDDITI SOCIETÀ DI CAPITALI 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA TASSAZIONE DELLE PMI · 27/07/2021 La deducibilità dell’IVA indetraibile da pro-rata

La Cassazione emana un principio di diritto in base al quale l’IVA indetraibile da pro-rata è deducibile per cassa quale componente negativo di reddito

La deducibilità dell’IVA indetraibile da pro-rata

La Cassazione emana un principio di diritto in base al quale l’IVA indetraibile da pro-rata è deducibile per cassa quale componente negativo di reddito

Soggetti ISA e forfettari: proroga versamenti imposte al 15 settembre

Per i contribuenti ISA slitta al 15 settembre il termine versamento delle imposte risultanti dalle dichiarazioni dei redditi, IRAP e IVA, in scadenza dal 30.06 al 31.08.2021

Soggetti Isa e versamento imposte: rateizzazione e calcolo interessi dopo la proroga

I contribuenti Isa che hanno optato per la rateizzazione delle imposte, dovranno ricalcolare gli interessi per i pagamenti delle rate successive al 15 settembre 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.