RITA pensione legge di stabilità 168

Rassegna stampa Pubblicato il 15/06/2018

Quattordicesima pensione a luglio 2018: requisiti e importi

I limiti reddituali ai fini del diritto alla quattordicesima della pensione 2018. L'erogazione avverrà con l'assegno di luglio 2018

Nel messaggio n. 2389 del 14.6.2018 l'INPS comunica le modalità di corresponsione per l’anno 2018 della somma aggiuntiva (c.d. quattordicesima) ai pensionati , che avverrà con l'assegno di luglio 2018. I requisiti reddituali necessari (in generale è riservata ai pensionati con  assegni al di sotto di 2 volte il trattamento  minimo) sono stati da ultimo specificati nel messaggio  n. 2549 del 20 giugno 2017. Dal 2017 infatti è intervenuta la modifica della  legge 11 dicembre 2016, n. 232 con la quale:

  • sono stati aumentati gli importi da corrispondere ai soggetti che erano già beneficiari (con redditi non superiori a 1,5 volte il trattamento minimo);
  • il diritto è stato esteso ai soggetti con reddito compreso fra 1,5 e 2 volte il trattamento minimo. Per questa nuova platea, gli importi da corrispondere sono quelli riconosciuti, fino allo scorso anno, ai soggetti con redditi non superiori a 1,5 volte il trattamento minimo;
  • è stata introdotta una fascia di garanzia per coloro che si trovano in situazioni " di confine" fra i limiti massimi delle due fasce.

La verifica del diritto alla somma  viene effettuata, per l’anno 2018 valutando  i seguenti redditi:

  • nel caso di prima concessione tutti i redditi posseduti dal soggetto nell’anno 2018 (rientrano in tale casistica tutti coloro che negli anni precedenti non abbiano percepito la somma aggiuntiva);
  • nel caso di concessione successiva alla prima , i redditi per prestazioni per le quali sussiste l’obbligo di comunicazione al Casellario centrale dei pensionati  conseguiti nel 2018 e i redditi diversi da quelli di cui al punto precedente, conseguiti nel 2017.

Viene precisato che la somma aggiuntiva viene corrisposta in via provvisoria e la sussistenza del diritto sarà verificata sulla base della dichiarazione dei redditi a consuntivo.

Il requisito reddituale del richiedente in relazione agli anni di contribuzione, deve essere inferiore ai limiti indicati nella tabella riportata sotto.

Dal 2017, a parità di contribuzione, gli importi  della quattordicesima vengono differenziati in base alla fascia di reddito (A o B)  nella quale si inquadra il beneficiario ( con trattamento mensile fino a 1,5 volte il  minimo ovvero fino a 2 volte il trattamento minimo). Inoltre il tetto massimo reddituale, oltre il quale il beneficio non spetta, viene incrementato dell’importo del beneficio, diverso per ciascuna fascia contributiva. 

I  limiti reddituali per l’anno 2018 calcolati in base all’indice di rivalutazione previsionale per l’anno 2018, pari all’1,1%, e i relativi importi della somma aggiuntiva  sono i seguenti:

Anno 2018 (TM mensile € 507,42)

Anni di contribuzione

TM annuo x 1,5 (tabella A)

TM annuo x 2(tabella B)

Lavoratori dipendenti

Lavoratori autonomi

fino a 

€ 9.894,69

Tra

€9.894,70 e €9.995,68

Tra

€9.995,69 e

€ 13.192,92

Oltre 

€13.192,92

< 15 anni

(< 780 ctr.)

< 18 anni

(< 936 ctr.)

€ 437,00

Max €10.331,69 

€ 336,00

Max €13.528,92

Lavoratori dipendenti

Lavoratori autonomi

fino a 

€ 9.894,69

Tra

€9.894,70 e €10.020,68

Tra

€10.020,69 e

€ 13.192,92

Oltre 

€13.192,92

> 15 < 25 anni

(> 781 < 1.300 ctr)

> 18 < 28 anni

 

(> 937 <1.456 ctr.)

€ 546,00

Max €10.440,69

€ 420,00

Max €13.612,92

Lavoratori dipendenti

Lavoratori autonomi

fino a 

€ 9.894,69

Tra

€9.894,70 e €10.045,68

Tra

€10.045,69 e

€ 13.192,92

Oltre 

€13.192,92

> 25 anni

(>1.301 ctr.)

> 28 anni

(>1.457 ctr.)

€ 655,00

Max €10.549,69

€ 504,00

Max €13.696,92 

L'istituto specifica che gli interessati troveranno l'indicazione della somma erogata nel cedolino di luglio 2018.

A coloro andranno in pensione quest'anno, perfezionando il requisito anagrafico richiesto dal 1° agosto (per la Gestione privata ed Enpals) o dal 1° luglio (per le Casse pensionistiche della Gestione pubblica) al 31 dicembre 2018 e ai soggetti divenuti titolari di pensione nel corso del 2018, la somma sarà  attribuita d’ufficio con la rata di dicembre 2018, sempre sulla base dei requisiti reddituali sopraindicati.

 E' possibile per coloro che non ricevano la quattordicesima e ritengano di averne diritto  presentare apposita domanda di ricostituzione on line, attraverso il sito internet dell’Istituto, www.inps.it,  con le consuente credenziali di accesso: PIN INPS, SPID (Sistema pubblico Identità Digitale), CNS (Carta Nazionale dei Servizi). In alternativa, possono rivolgersi a un patronato. 

Per tutte le novità segui il nostro DOSSIER gratuito: Come cambiano le pensioni,novità 2017-2018

Ti puo interessare  il nuovo e-book "Pensioni 2018 "  di L. Pelliccia

E' disponibile anche il completo manuale Previdenza 2017 (libro di carta - 262 pagine - Maggioli Editore )

Fonte: Inps





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)