Rassegna stampa Pubblicato il 12/09/2017

Niente TFR per le prestazioni temporanee INPS in agricoltura

Tempo di lettura: 1 minuto
Sentenza

Ai fini della liquidazione delle prestazioni temporanee INPS in agricoltura,la retribuzione dei contratti a termine non è comprensiva del TFR: Cassazione Lavoro n. 20737 2017

La Cassazione civile sezione Lavoro nell'Ordinanza n. 20737 del 4 settembre scorso ha accolto un ricorso INPS affermando che ai fini della liquidazione delle prestazioni temporanee INPS  in agricoltura, la nozione di retribuzione - definita dalla contrattazione collettiva provinciale, da porre a confronto con il salario medio convenzionale- non è comprensiva del trattamento di fine rapporto.

Cio in base al d.lgs. 314/1997, che, all'art. 6 "Determinazione del reddito da lavoro dipendente ai fini contributivi", esclude espressamente le somme corrisposte a titolo di trattamento di fine rapporto, riconfermando sul punto  la normativa precedente,  che "La retribuzione imponibile è presa a riferimento per il calcolo delle prestazioni a carico delle gestioni di previdenza e di assistenza sociale interessate." Ancor più specifico, proprio in relazione all'indennità di disoccupazione, è l’art. 7, comma 2, del d.l. 86/1988,  per cui "La retribuzione di riferimento per la determinazione della indennità giornaliera di disoccupazione è quella media soggetta a contribuzione ...". 

Nello specifico , nel 2010  la Corte di Appello di Bari aveva parzialmente riformato la sentenza del Tribunale della stessa città - che aveva riconosciuto il diritto di P.D. alla riliquidazione del trattamento speciale di disoccupazione agricola relativo all'anno 2000 sulla base della retribuzione giornaliera fissata dalla contrattazione collettiva della Provincia di appartenenza (anziché in base al salario medio convenzionale rilevato nel 1995 e non più incrementato negli anni successivi) e, su aveva ritenuto che nel computo di tale salario reale dovesse computarsi anche la quota di t.f.r.;  l'INPS ha proposto ricorso affidato a tre motivi.

La cassazione accoglie il secondo motivo e cassa la sentenza della corte di appello in quanto afferma che : 

"..  il CCNL determina la quota oraria del TFR nella misura dell'8,33% della paga base nazionale, dell'indennità di contingenza e del salario integrativo provinciale, ma detta indicazione, che incide sul rapporto di lavoro ed è estraneo all'aspetto previdenziale, vale a precisare le voci che devono entrare nel conteggio (stante la facoltà riservata all'autonomia collettiva di eliminarne alcune) ma ciò non toglie che, ove la retribuzione percepita sia inferiore o superiore a quella di cui al CCNL il conteggio del dovuto al lavoratore si debba liquidare sul percepito".

Per approfondire scarica il commento completo all'ordinanza "Liquidazione delle prestazioni temporanee in agricoltura" con il testo integrale .

Fa parte dell'abbonamento ai COMMENTI ALLA GIURISPRUDENZA FISCALE E DEL LAVORO: I nostri esperti legali commentano settimanalmente le pronunce piu interessanti con analisi normative , orientamenti giurisprudenziali e  testo integrale delle sentenze.

Segui il nostro Dossier gratuito Agricoltura 2017 per tutte le notizie e normativa in materia.

 

Fonte: Fisco e Tasse





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)