produzione cessione energia da fonti rinnovabili

Rassegna stampa Pubblicato il 09/08/2017

Credito d’imposta interventi di bonifica dall’amianto: ecco il codice tributo

Codice tributo per il credito d’imposta relativo agli interventi di bonifica dall’amianto 2017 istituito ieri dalle Entrate

Con la Risoluzione 109 dell'8 agosto 2017 l'Agenzia delle Entrate ha istituiti i codici tributo per l’utilizzo in compensazione, mediante il modello F24, del credito d’imposta relativo agli interventi di bonifica dall’amianto. 

Com'è noto, l’articolo 56, comma 1, della legge 28 dicembre 2015, n. 221, attribuisce un credito d’imposta ai soggetti titolari di reddito d’impresa che effettuano nell’anno 2016 interventi di bonifica dall’amianto su beni e strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato. Il credito d’imposta è utilizzato esclusivamente in compensazione in tre quote annuali di pari importo e non è soggetto al limite di cui all’articolo 1, comma 53, della legge 24 dicembre 2007, n. 244.
Le modalità e i termini per la concessione e la fruizione del suddetto credito d’imposta sono definito dal decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare del 15 giugno 2016, emanato di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, in base al quale il credito d’imposta deve essere utilizzato in compensazione presentando il modello F24 esclusivamente tramite i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate e nei limiti dell’importo concesso dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, pena lo scarto dell’operazione di versamento.
Tanto premesso, per consentire l’utilizzo in compensazione del credito d’imposta in argomento, tramite il modello F24, è istituito il seguente codice tributo:

  •  “6877” denominato “Credito d’imposta per interventi di bonifica dall’amianto - articolo 56, comma 1, legge 28 dicembre 2015, n. 221”

In sede di compilazione del modello di pagamento F24, il suddetto codice tributo è esposto nella sezione “Erario”, in corrispondenza delle somme indicate nella colonna “importi a credito compensati” ovvero, nei casi in cui il contribuente debba procedere al riversamento dell’agevolazione, nella colonna “importi a debito versati”.
Il campo “anno di riferimento” è valorizzato con l’anno di sostenimento della spesa, nel formato “AAAA”.

Sei un professionista? Abbonati alla Circolare del giorno di Fiscoetasse. Circa 300 approfondimenti in un anno sulle tematiche fiscali del momento

Fonte: Fisco e Tasse


1 FILE ALLEGATO

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)