HOME

/

FISCO

/

ADEMPIMENTI IVA 2021

/

CREDITI IVA TR 2017: ECCO QUANDO NON È NECESSARIO IL VISTO

2 minuti, Redazione , 31/07/2017

Crediti IVA TR 2017: ecco quando non è necessario il visto

Compensazioni crediti infrannuali risultanti dalle istanze IVA TR: soggetti abilitati all’apposizione del visto

Con la Risoluzione 103 del 28.07.2017 l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti sulle compensazioni dei crediti infrannuali risultanti dalle istanze IVA TR e sui soggetti abilitati ad apporre il visto di conformità per le compensazioni superiori al limite di 5.000 euro annui. Com'è noto, l'articolo 3 del D.L. n. 50 del 2017 (cd. manovra correttiva 2017), convertito con modificazioni dalla legge n. 26 del 2017, dispone che il visto di conformità di cui all’articolo 35, comma 1, lettera a), del D.Lgs. n. 241 del 1997, deve essere apposto “sulla dichiarazione o sull’istanza da cui emerge il credito” al fine di poter “utilizzare in compensazione” il credito IVA “annuale o infrannuale” per importi “superiori a 5.000 euro annui”. I l visto di conformità è, quindi, obbligatorio se l’istanza con cui viene chiesto di poter compensare il credito IVA infrannuale è di importo superiore a 5.000 euro annui, anche quando alla richiesta non faccia seguito alcun effettivon utilizzo in compensazione. Non c’è ragione di correlare l’obbligo del visto all’effettivo utilizzo del credito in compensazione. Ciò non toglie che, laddove sia stato presentato un modello IVA TR con un credito chiesto in compensazione di importo superiore a 5.000 euro erroneamente senza apposizione del visto, l’utilizzo in misura inferiore a detto limite non ne inficerà la spettanza. Va da sé che, nell’eventualità in cui il contribuente decida di compensare l’intero ammontare indicato nel modello, potrà farlo previa presentazione di un modello IVA TR "integrativo" con il visto di conformità, barrando la casella "modifica istanza precedente".

In linea con quanto sopra chiarito, il limite di 5.000 euro “annui” per l’apposizione del visto di conformità va calcolato tenendo conto dei crediti trimestrali chiesti in compensazione nei trimestri precedenti. Pertanto, ipotizzando un credito chiesto in compensazione di 3.000 euro nel primo trimestre, è possibile chiedere in compensazione nei trimestri successivi ulteriori crediti fino a 2.000 euro senza l’apposizione del visto di conformità. Se, tuttavia, il credito richiesto supera i 2.000 euro, sull’istanza deve essere apposto il visto, al di là degli effettivi utilizzi dei crediti in parola.

Coerentemente con la precisazione precedente, si ritiene che l’importo indicato sull’istanza relativa al 1° trimestre 2017 concorra al limite dei 5.000 euro annui, anche se non utilizzato in compensazione.
L’apposizione del visto di conformità 

La Risoluzione chiarisce infine che il visto di conformità è apposto da chi tiene le scritture e predispone la dichiarazione, che può essere, oltre al professionista, anche la società di servizi posseduta in maggioranza da professionisti. La trasmissione della dichiarazione, a sua volta, è consentita, fra gli altri, alle società di servizi definite dal citato D.M. 18 febbraio 1999.

Potrebbe interessarti il nostro tool Visto di conformità IVA e altri crediti 2017 (excel): Check list in excel per la predisposizione dei controlli minimi per rilasciare il visto di conformità 2017 sui crediti IVA, Irpef, Irap e Ires

 

 

Tag: ADEMPIMENTI IVA 2021 ADEMPIMENTI IVA 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ADEMPIMENTI IVA 2021 · 21/01/2022 Esenzione IVA: non spetta per i test diagnostici per controlli su assunzione stupefacenti

L'art 124 del Decreto rilancio valido ai fini dell'agevolazione IVA sulle cessione di prodotti anti covid è tassativo e non vi rientrano i test diagnostici in vitro di altro genere

Esenzione IVA: non spetta per i test diagnostici per controlli su assunzione stupefacenti

L'art 124 del Decreto rilancio valido ai fini dell'agevolazione IVA sulle cessione di prodotti anti covid è tassativo e non vi rientrano i test diagnostici in vitro di altro genere

IVA agevolata disabili: i documenti necessari per l'agevolazione dal 18 gennaio 2022

IVA agevolata per importazione e cessione di veicoli adattati: la documentazione da presentare dal 18 gennaio 2022 per l'aliquota ridotta

IVA 2022: ecco il nuovo modello per invio dal 1 febbraio al 2 maggio

Le Entrate pubblicano il modello IVA 2022 e le istruzioni per presentare la dichiarazione IVA relativa all'anno 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.