Rassegna stampa Pubblicato il 15/06/2017

Jobs act lavoratori autonomi 2017: cosa cambia per clienti e committenti

Tempo di lettura: 0 minuti
una tantum contratto

Modifica unilaterale del contratto, rifiuto della forma scritta, recesso senza preavviso e pagamento oltre i 60 giorni tra le clausole e le condotte abusive per il Jobs act

Con l’articolo 3 del Jobs act lavoratori autonomi, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 135 del 13.06.2017 come Legge 81/2017 vengono considerate abusive e prive di effetto alcune clausole che danneggiano il lavoratore. In queste ipotesi, il lavoratore autonomo ha diritto al risarcimento dei danni, anche promuovendo un tentativo di conciliazione mediante gli organismi abilitati. In generale, vengono considerate abusive le clausole che attribuiscono al committente la facoltà di modificare unilateralmente le condizioni del contratto o, nel caso di contratto avente ad oggetto una prestazione continuativa, di recedere da esso senza congruo preavviso; le clausole con le quali le parti concordano termini di pagamento superiori a sessanta giorni dalla data del ricevimento da parte del committente della fattura o della richiesta di pagamento e il rifiuto del committente di stipulare il contratto in forma scritta.

In pratica, è abusivo:

  • la modifica unilaterale del contratto del committente;
  • il recesso senza congruo preavviso nel caso di contratto con prestazione continuativa;
  • il pagamento oltre i 60 giorni
  • il contratto non in forma scritta.

Segui il Dossier gratuito  JOBS ACT 2017 le misure per dipendenti ed autonomi per altre notizie e approfondimenti

Ti puo interessare anche l'e-book Il Jobs Act del lavoro autonomo (PDF 59 pagine) con l'analisi completa di tutti gli articoli

Fonte: Fisco e Tasse





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)