IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 20/04/2017

Regime per cassa 2017: come determinare la base imponibile IRAP

Tempo di lettura: 2 minuti
irap professionisti e le scelte possibili

Base imponibile IRAP per il regime di cassa. I chiarimenti forniti dall'Agenzia

Commenta Stampa

Chiarimenti sul regime di cassa, introdotto dalla Legge di stabilità 2017 (L. 232/2016) sono stati forniti dall'Agenzia delle Entrate con la Circolare n. 11/E del 13.04.2017.

In particolare, l’articolo 1, comma 20, della legge di bilancio 2017 è intervenuto sulle modalità di determinazione della base imponibile IRAP delle imprese minori, inserendo il nuovo comma 1-bis all’articolo 5-bis del d.lgs. 446/1997, secondo il quale “Per i soggetti di cui al comma 1, che determinano il reddito ai sensi dell’articolo  66 del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, la base imponibile di cui al comma 1 del presente articolo è determinata con i criteri previsti dal citato articolo 66”.

Per effetto di tale modifica, dal periodo d’imposta 2017, per le società di persone e le imprese individuali in regime di contabilità semplificata, il valore della produzione netta – calcolato ai sensi dell’articolo 5-bis, comma 1, del d.lgs. n. 446/1997 – è determinato applicando i medesimi criteri di imputazione temporale “improntati alla cassa” previsti dall’articolo 66 del TUIR ai fini dell’imposta sul reddito. Al fine di regolare il passaggio dal regime di competenza a quello improntato alla cassa e viceversa anche ai fini IRAP, il comma 21 dell’articolo 1 della legge di bilancio 2017 opera un rinvio generale ai precedenti commi 18 e 19 del medesimo articolo 1, disponendo l’applicazione delle relative disposizioni “in quanto compatibili”.
Pertanto, per il primo anno di adozione del nuovo regime previsto dall’articolo 66 del TUIR, la base imponibile dell’IRAP deve essere ridotta dell’importo delle rimanenze finali che hanno concorso al calcolo del valore della produzione netta nell’esercizio precedente secondo il principio della competenza.
Inoltre, per evitare fenomeni di doppia imposizione o di salto d’imposta, il comma 19 disciplina il trattamento dei componenti reddituali nella fase di transizione tra i due regimi, ordinario e semplificato. In particolare, i ricavi, i compensi e le spese che hanno concorso alla determinazione del reddito, in base alle regole del regime adottato prima del passaggio al nuovo regime, non assumono rilevanza nella determinazione della base imponibile ai fini dell’IRAP, degli esercizi successivi.

Da ultimo, è da evidenziare che le nuove disposizione non incidono sulla determinazione della base imponibile IRAP degli enti non commerciali. Infatti, il ricordato comma 20 ha unicamente integrato l’articolo 5-bis del d.lgs. n. 446/1997, che regola la determinazione della base imponibile IRAP delle “società di persone e delle imprese individuali”, consentendo - come giàevidenziato – l’applicazione dei criteri di imputazione temporale previsti dal nuovo articolo 66 del TUIR. Diversamente, in base all’articolo 10, comma 2, del d.lgs. 446/1997, gli enti non commerciali determinano la base imponibile dell’IRAP, relativa alle attività commerciali esercitate, secondo quanto previsto dall’articolo 5 del medesimo decreto, analogamente alle società di capitali. Di conseguenza, per tali soggetti la base imponibile dell’IRAP è determinata per presa diretta dal bilancio e, quindi, i relativi componenti positivi e negativi rilevanti ai fini del tributo regionale concorrono alla formazione del valore della produzione netta in base ai criteri di competenza civilistici.

Sull'argomento, segui gratuitamente il Dossier Dichiarazione IRAP 2017 con aggiornamenti, approfondimenti e news.

Potrebbe interessarti il pacchetto Irap e professionisti 2017 contenente 2 utili ebook sull'Irap: IRAP - Rimborsi e ricorsi (eBook 2016) e Irap professionisti: orientamenti della Cassazione

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 GIOVANNI FULGIERI GIOVANNI FULGIERI - 23/04/2017
bene
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo Credito imposta Ricerca e Sviluppo 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2021-01-31
Modello IVA 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 69,90 € + IVA invece di 74,90 € + IVA fino al 2021-02-15
Rimborso trasferte 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 29,89 € + IVA invece di 34,90 € + IVA fino al 2022-12-31
Credito di imposta nuovi investimenti (excel)
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 49,90 € + IVA fino al 2021-02-15

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE