HOME

/

PMI

/

BANCHE E IMPRESE

/

RINUNCIA ALLA CESSIONE DEL CREDITO IVA A GARANZIA DEL CONTRATTO DI FINANZIAMENTO

2 minuti, Redazione , 30/03/2017

Rinuncia alla cessione del credito IVA a garanzia del contratto di finanziamento

Cessione del credito Iva a scopo di garanzia e rinuncia alla cessione da parte del cessionario: chiarimenti nella Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate

Cessione del credito Iva a scopo di garanzia e rinuncia alla cessione da parte del cessionario oggetto di chiarimenti nella risoluzione 39/E del 28 marzo 2017. In particolare, nel documento di prassi l’Agenzia ha esamina il contratto di cessione del credito Iva a scopo di garanzia, chiarendo i suoi effetti nei confronti dell’amministrazione finanziaria. L' ufficio territoriale con istanza di consulenza giuridica chiedeva all'Agenzia:

  • quali fossero i requisiti essenziali di questo tipo di contratto
  • se alcune specifiche clausole previste dalle parti potessero avere effetto, e in che limiti, verso l’amministrazione finanziaria.

Come chiarito , con la cessione del credito, quest’ultimo mediante il consenso delle parti legittimamente manifestato, passa da un soggetto a un altro lasciando inalterata l’obbligazione in tutti i suoi elementi, salvo che dal lato soggettivo, in cui si ha una “successione del credito a titolo particolare”. La cessione del credito, infatti, è efficace nei confronti del debitore quando questi l’ha accettata o anche a seguito di semplice notifica (articolo 1264 cc). 
In particolare, nella fattispecie oggetto di consulenza, la cessione del credito si collega a un contratto di finanziamento, cosicché il contratto stipulato dalle parti può qualificarsi come un contratto di cessione del credito a scopo di garanzia. Tale collegamento emerge dalla clausola in base alla quale il titolare del credito Iva trasferisce il credito al soggetto con il quale ha stipulato un contratto di finanziamento per garantire l’adempimento di quest’ultimo pertanto:

  • la cessione del credito Iva chiesto a rimborso tramite la dichiarazione dei redditi, e notificato all’amministrazione finanziaria, è efficace nei confronti di quest’ultima, ai sensi del combinato disposto dall’articolo 43-bis, comma 3, Dpr 602/1973 e dell’articolo 1, comma 4, Dm 384/1997
  • è parimenti efficace nei confronti dell’amministrazione finanziaria la clausola che prevede il versamento del rimborso sul conto della cedente. Nel contratto di cessione del credito a scopo di garanzia è, infatti, fisiologico che il credito Iva sia incassato dal cedente, cui il credito si ritrasferisce automaticamente a seguito dell’adempimento del debito garantito. Al contrario, in caso di eventi “patologici” del contratto di finanziamento, è significativa la clausola secondo cui “Qualora la Cessionaria invii alla Cedente una comunicazione di risoluzione automatica, di diffida ad adempiere o di recesso ai sensi dei Contratti di Finanziamento, la Cessionaria avrà diritto di richiedere all’Amministrazione Finanziaria di pagare il Credito Iva su un conto corrente ad essa intestato…”
  • nel caso concreto non si realizza una “rinuncia” alla cessione del credito da parte della cessionaria, che si configurerebbe come una seconda cessione del credito (in quanto tale, vietata), bensì la perdita di efficacia della cessione originaria, con il ritrasferimento automatico della titolarità del credito al cedente originario. Si tratta, come sopra evidenziato, della conseguenza del verificarsi della condizione risolutiva della cessione, cioè dell’adempimento da parte del cedente del contratto di finanziamento stipulato con il cessionario
  • a seguito della “rinuncia” della cessionaria alla cessione del credito, ovvero della comunicazione della sua risoluzione automatica, il rimborso del credito Iva deve essere erogato al contribuente cedente e non al cessionario. Tuttavia tale “rinuncia”, al pari della cessione del credito, deve risultare da atto pubblico e scrittura privata autenticata e deve essere comunicata all’amministrazione finanziaria e al concessionario mediante notifica.

Segui gratuitamente il Dossier dichiarazione IVA 2017  per essere sempre aggiornato. Troverai news, aggiornamenti, approfondimenti, le risposte alle FAQ più comuni e la normativa di riferimento.

Inoltre ti segnaliamo i seguenti prodotti:

Tag: ADEMPIMENTI IVA 2021 ADEMPIMENTI IVA 2021 BANCHE E IMPRESE BANCHE E IMPRESE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Miky - 30/03/2017

Caro Stato, liquidami il mio credito IVA, che poi lo posso gestire senza tante complicazioni, atti notarili, richieste di finanziamento. Mi pare ovvio che con un credito IVA pari a X potro chiedere e garantire un finanziamento non superiore a X, quindi mi sfugge lo scopo di questa operazione che aumenta solo gli oneri improduttivi (visti gli atti da fare per completare la pratica). Oppure non ho capito nulla ?

Luigia Lumia - 30/03/2017

Sicuramente sarebbe la strada maestra... ma il caso in commento addirittura nasce dal fatto che anche dopo che il debito garantito dal credito iva si era estinto, il credito ancora non era stato rimborsato.....uno scandalo e un problema per le imprese interessate che a volte ne compromette la sopravvivenza

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

BANCHE E IMPRESE · 06/10/2021 Cessione quinto 2021: i tassi dal 1 ottobre

Tassi aggiornati per il IV trimenstre 2021 per la cessione del quinto delle pensioni. Messaggio INPS n. 3341 del 5 ottobre 2021

Cessione quinto 2021: i tassi dal 1 ottobre

Tassi aggiornati per il IV trimenstre 2021 per la cessione del quinto delle pensioni. Messaggio INPS n. 3341 del 5 ottobre 2021

Moratoria crediti PMI al 31.12.2021: debitori non classificabili "in sofferenza"

Moratoria crediti PMI: non verrà segnalato nessun ritardo e il debutore non può essere classificato a sofferenza. Il chiarimento nella risposta all'interrogazione parlamentare

Fondo indennizzo risparmiatori: firmato il protocollo

Accesso al Fondo indennizzo risparmiatori (Fir): pronta la verifica dei requisiti patrimoniali dei risparmiatori che hanno chiesto l'indennizzo.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.