Rassegna stampa Pubblicato il 26/01/2016

Opzione donna pensioni dal 2016

L'Inps avvia alla lavorazione delle domande di pensione con regime "ozione donna" come previsto dalla Legge di stabilità 2016

L’INPS, con Messaggio 22 gennaio 2016, n. 283, fornisce informazioni sull’art.  1, comma 281, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, il quale dispone che "al fine di portare a conclusione la sperimentazione di cui all’articolo 1, comma 9, della legge 23 agosto 2004, n. 243, la facoltà prevista al predetto articolo 1, comma 9, è estesa anche alle lavoratrici che hanno maturato i requisiti previsti dalla predetta disposizione, adeguati agli incrementi della speranza di vita ai sensi dell'articolo 12 del decreto legge 31 maggio 2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122, e successive modificazioni, entro il 31 dicembre 2015 ancorché la decorrenza del trattamento pensionistico sia successiva a tale data, fermi restando il regime delle decorrenze e il sistema di calcolo delle prestazioni applicati al pensionamento di anzianità di cui alla predetta sperimentazione."

Pertanto, L'istituto invita le Sedi a procedere alla lavorazione delle domande di pensione di anzianità in c.d. regime sperimentale donna presentate dalle lavoratrici che hanno perfezionato i prescritti requisiti anagrafici e contributivi entro il 31 dicembre 2015 e la cui decorrenza della pensione si colloca successivamente alla predetta data.

Ti puo interessare  l’ e-book "Pensioni 2019" di L. Pelliccia e il volume APE Anticipo pensionistico e rendita integrativa RITA (libro di carta Maggioli Editore - 120 pagine)

E' disponibile anche il videocorso accreditato "Quota 100 e altre novità previdenziali ( Riscatto laurea e pace contributiva)"

Per tutte le notizie e approfondimenti  segui sempre il nostro DOSSIER gratuito: Pensioni: Quota 100 e novità 2019

Fonte: Inps




Prodotti per La rubrica del lavoro , Politiche del Lavoro Femminile, Pensioni: Quota 100 e novità 2020

32,00 € + IVA
27,20 € + IVA
18,00 € + IVA
15,30 € + IVA

Commenti

Ozione donna = l'ennesima fregatura portata a compimento da una società maschilista che, con la complicità dei politici continua imperterrita a sfruttare e penalizzare i cittadini di sesso femminile ponendo a loro carico l'onere di porre rimedio a tutte le carenze socio-assistenziali dello Stato senza alcun riconoscimento, mantenendoli in una condizione di inferiorità economica per poter continuare a disporne a proprio piacimento.

Commento di Miky (12:35 del 01/02/2016)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)