Rassegna stampa Pubblicato il 16/07/2015

Fattura elettronica anche per la cessione di energia al Gse

Dal prossimo 20 luglio scatterà l'obbligo di emissione della fattura elettronica per le cessioni di energia al Gse

Da lunedì 20 luglio scatta l’obbligo di emissione della fattura elettronica per la cessione di energia elettrica al Gse spa (gestore dei servizi elettrici). Per ora, tale procedura non è stata attivata anche per la produzione di energia elettrica da fonti fotovoltaiche, che sarà perfezionata più avanti. Pertanto, dovrà essere emessa fattura elettronica per le cessioni di energia da fonti eoliche, idroelettriche, geotermiche, biomasse biogas, bioliquidi e oceaniche (Fer elettriche). In pratica, il Gse rende disponibile la fattura nei propri portali e il fornitore dell’energia deve inserire soltanto il numero e la data. Per le fatture elettroniche le imprese dovranno iniziare la numerazione dal 20 luglio prossimo con il numero 1. Il cedente l’energia deve confermare la regolarità della fattura e autorizzare il Gse a emettere la fattura per suo conto; in questo momento la fattura considera emessa. Quindi il Gse produrrà la fattura in formato xml (fattura Pa) provvedendo a firmarla digitalmente e trasmetterla per conto dell’emittente al Sistema di interscambio (Sdi).

Per approfondire ti segnaliamo:

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti per Adempimenti Iva 2019, Fatturazione elettronica 2019

 
4,90 € + IVA
 
4,90 € + IVA

Commenti

Ma chi avrà l'obbligo di conservarla? Non vorrei dover fare un contratto di conservazione per tre fatture all'anno!! Non potrebbe conservarle direttamente il GSE?

Commento di Cristina (07:59 del 17/07/2015)

L'obbligo purtoppo ricade sul produttore ovvero colui che la emette . A quanto mi risutla l'Agenzia delle Entrate metterà a disposizione gratuitamente un servizio di conservazione delle ft. elettroniche ma a partire dal 01/07/2016. Quindi per le fatture emesse nel 2015 che vanno archiviate entro 90 giorni a partire dal 31/12/15 siamo obbligati a pagare qualche servizio poiché conservarsele da soli è improponibile dato la normativa ostrogota che richiede tutta una serie di requisiti che solo chi lo fa di mestiere può aver la certezza di rispettare.

Risposta di Gianmarco P. (12:22 del 14/09/2015) al commento di Cristina

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)