IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 17/06/2015

Addizionale regionale all'Irpef: sempre maggiorazione se si è in deficit sanitario

Tempo di lettura: 1 minuto

Se i conti della sanità non tornano, si applica sempre la maggiorazione dell'addizionale regionale all'Irpef

Commenta Stampa

Con la Risoluzione n. 5/DF del 15 giugno 2015, il Dipartimento delle Finanze ha precisato che le Regioni sottoposte al Piano di rientro del deficit sanitario devono applicare l’incremento nella misura fissa di 0,30 punti percentuali dell’aliquota dell’addizionale regionale all’Irpef, rispetto a quelle vigenti, su tutti gli scaglioni di reddito. Infatti, precisa il Dipartimento, la norma che prevede “l’incremento nelle misure fisse di 0,15 punti percentuali dell’aliquota dell’imposta regionale sulle attività produttive e di 0,30 punti percentuali dell’addizionale all’Irpef rispetto al livello delle aliquote vigenti...” (articolo 2, comma 86, legge 191/2009), in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi di risanamento, non ammette deroghe, neanche quella relativa alla disposizione del D.Lgs. n. 68/2011, secondo la quale dal 2015 “la maggiorazione oltre i 0,5 punti percentuali non trova applicazione sui redditi ricadenti nel primo scaglione di cui all'articolo 11 del testo unico delle imposte sui redditi di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 91”. Quest’ultima norma, infatti, ha un diverso scopo: quello di contenere la pressione fiscale sui contribuenti con redditi bassi. La maggiorazione dell'aliquota in caso di deficit sanitario, invece, è volta ad assicurare i livelli essenziali delle prestazioni riguardanti il diritto fondamentale alla salute sancito dall’articolo 32 della Costituzione, a cui ognuno deve contribuire. Un obiettivo così “superiore” a cui nessuno può sottrarsi.

Fonte: Dipartimento delle Finanze


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Miky Miky - 17/06/2015
Quindi, se chi amministra è incompetente (o altro....e con quello che si legge sui giornali è l'ipotesi più probabile), pagano i cittadini onesti con un aumento di tassazione. Credo ci voglia del coraggio a sostenere una simile tesi. Credo anche che ci vorrà molto tempo per riuscire a liberarsi di questa masnada di arraffoni e incompetenti che stà portando alla rovina il Paese.
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Mariella Mariella - 17/06/2015
La risoluzione è la n.5/DF non la 5/E altrimenti è impossibile cercarla. Saluti
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Luigia Lumia Luigia Lumia - 17/06/2015
Corretto! e naturalmente grazie infinite della segnalazione.
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31
Gestione fiscale del fondo svalutazione crediti (excel)
In PROMOZIONE a 22,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2022-12-31
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 91,70 € + IVA invece di 130,75 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE