Rassegna stampa Pubblicato il 12/06/2013

IMU, l'acconto va calcolato in base alle aliquote dell'anno precedente

E' divenuta norma di legge la disposizione che prevede che l'acconto IMU venga calcolato prendendo a riferimento l'aliquota e le detrazioni dei 12 mesi precedenti

Il Decreto sblocca - debiti (D.L. n. 35/2013), convertito nella Legge n. 64/2013 in vigore dall'8 giugno, prevede alcune modifiche alle modalità di calcolo dell'IMU. In particolare, stabilisce che, per il versamento della prima rata, si deve fare riferimento all’aliquota e alle detrazioni dei 12 mesi dell’anno precedente, senza quindi che sia più necessario verificare l’avvenuta pubblicazione delle delibere e dei regolamenti da parte del Comune entro il 17.06.2013. Il versamento della seconda rata, invece, dovrà avvenire, a saldo di quanto dovuto per l’intero anno e con eventuale conguaglio della prima rata versata, sulla base degli atti pubblicati nel sito del Mef entro il 28.10 di ciascun anno d’imposta. A tal fine, il Comune è tenuto ad effettuare l’invio telematico entro il 21.10 dell’anno stesso. In caso di mancata pubblicazione entro il 28.10, “si applicano gli atti adottati per l’anno precedente”.

Consulta le nostre proposte in materia di Iva: E-book e fogli di calcolo  per aiutarti nella tua attività quotidiana

Ti potrebbe interessare il nostro Pacchetto IMU e TASI - IVIE e IVAFE 2019 (2 eBook + excel) contenente 2 eBook in pdf  e 1 file excel per il calcolo dell'IMU 2019 venduti anche singolarmente:

 

Fonte: Governo Italiano




Prodotti per IMU - Imposta Municipale Unica, Versamenti delle Imposte, IMU-TASI-TARI (IUC) 2019

29,90 € + IVA
24,90 € + IVA
 
14,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)