Rassegna stampa Pubblicato il 20/09/2011

Pensione per i residenti esteri senza codice fiscale, arrivano le istruzioni dell’Agenzia

L’Agenzia fornisce istruzioni operative all’INPS per l’attribuzione del codice fiscale ai cittadini residenti all’estero, titolati del diritto alla pensione

Con la Risoluzione n. 91/E del 19 settembre 2011, l’Agenzia delle Entrate fornisce importanti chiarimenti e istruzioni operative all’INPS, per risolvere il problema dei codici fiscali necessari per la corretta erogazione delle prestazioni a favore di cittadini non residenti. In particolare, se il cittadino residente all’estero matura il diritto alla pensione con carattere di continuità, ma è privo del codice fiscale e non ne richiede personalmente il rilascio, è l’Inps che può domandarne l’attribuzione all’Agenzia delle Entrate. Se il cittadino non dispone di un domicilio fiscale in Italia, l’Inps deve fornire il suo corretto domicilio estero nella richiesta del codice fiscale, e comunicare al cittadino il codice fiscale che gli è stato attribuito.

Ti puo interessare  l’ e-book "Pensioni 2019" di L. Pelliccia e il volume APE Anticipo pensionistico e rendita integrativa RITA (libro di carta Maggioli Editore - 120 pagine)

E' disponibile anche il videocorso accreditato "Quota 100 e altre novità previdenziali ( Riscatto laurea e pace contributiva)"

Per tutte le notizie e approfondimenti  segui sempre il nostro DOSSIER gratuito: Pensioni: Quota 100 e novità 2019

Fonte: Il Sole 24 Ore





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)