HOME

/

PMI

/

REGIME FORFETTARIO 2020

/

REGIME DI VANTAGGIO: ATTIVITA' INTRAPRESE NEL 2015 TUTTE RIAMMESSE

2 minuti, 23/07/2015

Regime di vantaggio: attivita' intraprese nel 2015 tutte riammesse

Regime di vantaggio per giovani imprenditori e lavoratori in mobilità: opzione nel 2016 e rettifiche entro il 23 agosto 2015

Forma Giuridica: Prassi - Risoluzione
Numero 67E del 23/07/2015
Fonte: Agenzia delle Entrate
Ecco il testo del Comunicato Stampa emesso oggi 23 luglio che annuncia per i Giovani imprenditori e lavoratori in mobilità
"Porte aperte al regime di vantaggio per tutte le attività intraprese nel 2015"
Chance salva anche per i ritardatari: l’opzione viaggia in dichiarazione
Possono avvalersi del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità anche i contribuenti che hanno iniziato una nuova attività nel 2015, prima dell’entrata in vigore del Dl n.192/201 4, che - in deroga all’abrogazione
prevista dalla Legge di stabilità - ha prorogato questa disciplina di favore.
Una possibilità che resta aperta anche per chi non ha manifestato l’opzione al momento di iniziare l’attività: sarà possibile darne comunicazione nella dichiarazione dei redditi 2016. Sono questi i principali chiarimenti della risoluzione n. 67/E, diffusa oggi dall’Agenzia delle Entrate, che spiega tempi e modi per esercitare l’opzione.
Opzione salva per tutto il 2015
- Chi ha iniziato un’attività nel 2015 può ancora avvalersi del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e i lavoratori in mobilità esteso a quest’anno dal Decreto milleproroghe (Dl n.192/2014).
L’opzione è  accessibile anche a coloro che hanno intrapreso l’attività nel 2015 prima dell’entrata in vigore della proroga: per esercitarla, potranno - entro 30 giorni dalla pubblicazione della risoluzione o entro la prima liquidazione Iva successiva, se la stessa scade dopo questo termine - apportare le opportune rettifiche dei documenti emessi con addebito dell’imposta. In particolare, per le operazioni attive potranno emettere nota di variazione per correggere l’attribuzione dell’Iva in rivalsa al cessionario o committente, che a sua volta sarà tenuto a registrare la nota di variazione, salvo il suo diritto alla restituzione dell’importo pagato al cedente o prestatore a titolo di rivalsa. Dovrà inoltre essere effettuata la variazione in aumento dell’Iva
sugli acquisti detratta nel primo trimestre.
Per chi non ha indicato l’opzione la scelta va in dichiarazione
- Coloro che intraprendono un’attività di impresa, arte e professione nel corso del 2015 e, avendone i requisiti, intendono accedere al regime fiscale di vantaggio, laddove non abbiano manifestato nel modello A/7 l’opzione, possono comunque avvalersene, dandone comunicazione, secondo le regole ordinarie, nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno di imposta 2015 (da presentare nel 2016), allegando il modello relativo alle opzioni predisposto per la dichiarazione Iva.
 
In allegato il testo della risoluzione n. 67/E del 23 luglio 2015
 

Tag: CIRCOLARI - RISOLUZIONI E RISPOSTE A ISTANZE CIRCOLARI - RISOLUZIONI E RISPOSTE A ISTANZE REGIME FORFETTARIO 2020 REGIME FORFETTARIO 2020

Allegato

Risoluzione_67_e
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

REGIME FORFETTARIO 2020 · 12/07/2021 Co.co.co: regime fiscale dei compensi erogati a medici in regime forfetario

Le Entrate chiariscono che per i medici in regime forfetario con co. co.co con il Ministero non occorre versare la ritenuta d'acconto.

Co.co.co: regime fiscale dei compensi erogati a medici in regime forfetario

Le Entrate chiariscono che per i medici in regime forfetario con co. co.co con il Ministero non occorre versare la ritenuta d'acconto.

Regime forfettario e commercio elettronico: novità dal primo luglio 2021

Breve guida alle nuove regole IVA per operazioni Intra ed Extra CEE legate al commercio elettronico per i contribuenti forfettari

Regime forfettario: il contributo a fondo perduto non conta per la soglia di accesso

Il fondo perduto avendo natura di ristoro per eventi emergenziali non rileva ai fini della soglia di accesso al regime forfettario

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.