Normativa del 08/10/2015

Novità e aggiornamenti 2015 sulla Delega Fiscale

168x126 gazzetta ufficiale 214 22122011

Approvati in via definitiva gli ultimi 5 decreti attuativi della Riforma fiscale, pubblichiamo un riepilogo dello stato di attuazione della Delega fiscale al 22 settembre 2015, la Legge dell’11 marzo 2014 n. 23, con tutte le novità e gli aggiornamenti nonchè i testi dei decreti e degli schemi di decreto fino ad ora pubblicati o approvati.

Forma Giuridica: Normativa - Legge
Numero 23 del 11/03/2014
Fonte: Gazzetta Ufficiale
Dopo l'approvazione definitiva da parte dell'Assemblea di Montecitorio è arrivata in Gazzetta ufficiale n. 59/2014 la delega al Governo per la Riforma del Fisco, per operare verso un sistema fiscale più equo, trasparente e orientato alla crescita.
La Legge n. 23 dell'11 marzo, entrata in vigore il 27 marzo 2014, ha lasciato all' Esecutivo un anno di tempo per emettere i decreti attuativi verso la revisione del sistema fiscale, nell'osservanza dei principi generali espressi dalla Delega. Le indicazioni riguardano temi fondamentali, come la riforma del catasto, le detrazioni per spese, la semplificazione degli obblighi contabili e dichiarativi e le compensazioni tra crediti d'imposta e debiti tributari.
La legge, che persegue l’obiettivo della riduzione della pressione tributaria sui contribuenti (articolo 16), si compone di 16 articoli concernenti i princìpi generali e le procedure di delega (art. 1); la revisione del catasto dei fabbricati (art. 2); le norme per la stima e il monitoraggio dell’evasione e il riordino dell’erosione fiscale (artt. 3 e 4); la disciplina dell'abuso del diritto e dell'elusione fiscale (art. 5); la cooperazione rafforzata tra l’amministrazione finanziaria e le imprese, con particolare riguardo al tutoraggio, alla semplificazione fiscale e alla revisione del sistema sanzionatorio (artt. 6-8); il rafforzamento dell’attività conoscitiva e di controllo (art. 9); la revisione del contenzioso tributario e della riscossione degli enti locali (art. 10); la revisione dell'imposizione sui redditi di impresa e la previsione di regimi forfetari per i contribuenti di minori dimensioni, nonché la razionalizzazione della determinazione del reddito d'impresa e delle imposte indirette (artt. 11-13); la disciplina dei giochi pubblici (art. 14); le nuove forme di fiscalità ambientale (art. 15).
Con l'approvazione degli ultimi 5 decreti attuativi da parte del Governo avvenuta il 22 settembre 2015, si completa il pacchetto dei provvedimenti attuativi della riforma fiscale volta ad introdurre maggiore equità e trasparenza nel sistema e a favorire la crescita e l’internazionalizzazione delle imprese.
Qui di seguito riepiloghiamo l'iter di approvazione e di pubblicazione dei decreti attuativi allegando il testo di questi ultimi.
In allegato:
  • il testo della Legge n. 23 del 11/03/2014 - Delega fiscale
Dopo l'approvazione definitiva da parte del Governo degli ultimi 5 decreti attuativi, il 22 settembre 2015, e pubblicati in Gazzetta Ufficiale del 7 ottobre 2015 n. 233, riepiloghiamo l'iter di attuazione della Delega fiscale, con i link ai testi dei decreti e degli schemi di decreti approvati.
 
Inizialmente sono stati emanati i seguenti provvedimenti:
Il 29 aprile 2015 il Governo aveva presentato in Parlamento tre schemi di decreto attuativi della delega, due dei quali approvati e pubblicati in Gazzetta Ufficiale il 18 agosto e l'altro il 22 settembre:
  1. "Misure per la revisione della disciplina degli interpelli e del contenzioso tributario, in attuazione degli articoli 6, comma 6, e 10, comma 1, lettere a) e b), della legge 11 marzo 2014, n. 23" (D.Lgs. del 24 settembre 2015, n. 156);
  2. "Misure per la revisione della disciplina dell'organizzazione delle agenzie fiscali, in attuazione dell'articolo 9, comma 1, lettera h), della legge 11 marzo 2014, n. 23" (D.Lgs. 24 settembre 2015, n. 157);
  3. "Revisione del sistema sanzionatorio, in attuazione dell'articolo 8, comma 1, della legge 11 marzo 2014, n. 23" (D.Lgs. 24 settembre 2015, n. 158);
  4. "Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione, in attuazione dell'articolo 3, comma 1, lettera a), della legge 11 marzo 2014, n. 23" (D.Lgs. 24 settembre 2015, n. 159);
  5. "Stima e monitoraggio dell'evasione fiscale e monitoraggio e riordino delle disposizioni in materia di erosione fiscale, in attuazione degli articoli 3 e 4 della legge 11 marzo 2014, n. 23" (D.Lgs. 24 settembre 2015, n. 160).

Si ricorda che i predetti decreti erano stati approvati definitivamente il 22 settembre 2015 dal Consiglio dei ministri. Si è completato così il pacchetto dei provvedimenti attuativi della riforma fiscale volta ad introdurre maggiore equità e trasparenza nel sistema e a favorire la crescita e l’internazionalizzazione delle imprese. I testi approvati, sostanzialmente invariati nei contenuti rispetto a quelli approvati dal Consiglio dei Ministri del 4 settembre 2015 tengono conto di alcune delle richieste presenti negli ultimi pareri delle Commissioni parlamentari.

La principale novità che è stata introdotta nell’ultimo esame del Consiglio dei ministri riguarda il decreto legislativo “misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione. Per venire incontro alle esigenze dei contribuenti in difficoltà con i pagamento dei debiti fiscali, accogliendo la richiesta contenuta nel parere della Commissione Finanze della Camera dei deputati, viene prevista la possibilità di accedere ad una ulteriore rateizzazione ai soggetti che non sono stati in grado di completare il pagamento di piani precedenti di rateizzazione. In particolare, la nuova disposizione stabilisce che le somme non ancora versate, oggetto di piani di rateazione da cui i contribuenti siano decaduti nei 24 mesi antecedenti l’entrata in vigore del presente decreto, possono su richiesta degli stessi contribuenti, da presentare entro 30 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, essere oggetto di un nuovo piano di rateazione, ripartito fino a un massimo di 72 rate mensili.

Dal piano di rateazione si decade per il mancato pagamento di sole due rate.

____________________________________
 
Si ricorda che il 27 giugno 2015 è scaduto il termine per l'attuazione della delega.
Restano quindi inattuate o parzialmente attuate le seguenti norme:
- revisione del catasto dei fabbricati, fatta salva la riforma delle Commissioni censuarie (articolo 2);
- revisione della riscossione degli enti locali (articolo 10, comma 1, lettera c));
- revisione dell'imposizione sui redditi di impresa (articolo 11, comma 1, lettera a));
- razionalizzazione dell'imposta sul valore aggiunto e di altre imposte indirette, fatta salva la revisione delle accise sui tabacchi lavorati (articolo 13);
- revisione della disciplina dei giochi pubblici e rilancio del settore ippico (articolo 14);
- revisione della fiscalità energetica e ambientale (articolo 15).
 
Ti potrebbe interessare il nostro Pacchetto di eBook in pdf "Delega Fiscale 2015" contenente:
  1. Delega Fiscale (eBook 2015)
    Ebook di 50 pagine (più 50 di appendice normativa) con tutte le novità su sanzioni, riscossioni, interpello e contenzioso dopo i D.gls. 156/158/159 2015

  2. Le sanzioni tributarie dopo la Legge Delega (eBook)
    contenente Casi pratici di applicazione delle sanzioni amministrative e penali dopo la Delega fiscale in un ebook in pdf di 66 pag. Aggiornato con il D.Lgs. 158/2015

Acquistalo subito ad un prezzo speciale!





Prodotti per Delega fiscale , Leggi e Decreti, Riforme del Governo Renzi 2017

 
42,00 € + IVA
 
26,00 € + IVA

Commenti

Ma quando entrerà in vigore questa Delega Fiscale. Ormai siamo allo stillicidio di notizie e proclami

Commento di PAOLO MURATORI (06:42 del 09/08/2015)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)