Normativa del 08/10/2012

Remissione in bonis: come correggere comunicazioni e adempimenti fiscali fuori tempo

Chiarimenti dell'Agenzia con Circolare del 28.09.2012 n. 38 in merito all'istituto della remissione in bonis, introdotto con il Dl n.16/2012, per regolarizzare comunicazioni e adempimenti fiscali fuori tempo

Forma Giuridica: Prassi - Circolare
Numero 38 del 28/09/2012
Fonte: Agenzia delle Entrate

L'Agenzia delle Entrate fornisce i primi chiarimenti, con la Circolare del 28 settembre 2012 n. 38, in merito all'istituto della "Remissione in bonis" introdotto dall’articolo 2 del decreto legge 2 marzo 2012, n. 16, contenente disposizioni di semplificazione degli adempimenti tributari, volte ad assicurare una riduzione degli oneri amministrativi per i cittadini e le imprese.

La Circolare in questione fornisce chiarimenti in merito ad alcune delle semplificazioni introdotte dall’articolo 2 del decreto con riferimento a comunicazioni ed adempimenti fiscali. In particolare, detto articolo:

  1. consente, al comma 1, la fruizione di benefici di natura fiscale o l’accesso a regimi fiscali opzionali anche nel caso in cui il contribuente non adempia, nei tempi previsti, agli obblighi di preventiva comunicazione o a qualunque altro adempimento di natura formale previsto dalla legislazione vigente;
  2. fa salve, al comma 2, le domande tardive di iscrizione negli elenchi dei soggetti che partecipano al riparto del cinque per mille dell’IRPEF, nonché le tardive integrazioni documentali;
  3. modifica, al comma 3, il vigente articolo 43-ter del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, aggiungendo la disposizione secondo cui, in caso di cessione dell’eccedenza dell’IRES risultante dalla dichiarazione dei redditi derivante dal consolidato, ai sensi dell’articolo 122 del decreto del Presidente della Repubblica 1986, n. 917, (di seguito “TUIR”), la mancata indicazione degli estremi del soggetto cessionario e
    dell’importo ceduto non comporta l’inefficacia della cessione stessa
    ;
  4. fa salva, al comma 3-bis, l’efficacia giuridica dell’eventuale cessione, tra soggetti partecipanti alla tassazione di gruppo, di eccedenze utilizzabili in compensazione realizzata in mancanza dell’indicazione degli estremi del soggetto cessionario, dell’importo ceduto o della tipologia di tributo oggetto di cessione.

Indice della Circolare:

PREMESSA

1. ARTICOLO 2, COMMA 1. REMISSIONE IN BONIS
1.1 Premessa
1.2 Condizioni per la regolarizzazione
1.3 Ambito oggettivo di applicazione
1.3.1 Le fattispecie sanabili: la relazione illustrativa
1.3.2 Altre fattispecie sanabili
1.4 Decorrenza

2. ARTICOLO 2, COMMA 2. RIPARTO CINQUE PER MILLE

3. ARTICOLO 2, COMMI 3 E 3-BIS. CONSOLIDATO: CESSIONE DELLE ECCEDENZE
3.1 Premessa
3.2 Le nuove disposizioni di cui all’articolo 2, commi 3 e 3-bis

Ti potrebbe interessare il foglio di calcolo Ravvedimento operoso 2019 - Foglio di calcolo excel per determinare gli importi dovuti in caso di ravvedimento operoso e stampa F24, aggiornato con il tasso di interesse 2019.
Guarda anche tutti i prodotti e utilità contenuti nella sezione Difendersi dal Fisco





Prodotti per Agevolazioni, Circolari - Risoluzioni e risposte a Istanze, Ravvedimento operoso 2019, Decreto Semplificazioni Fiscali 2012

 

GRATIS

 
4,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)