Normativa del 06/10/2010

Accertamento bancario - È onere del contribuente dimostrare che le movimentazioni non riguardano operazioni imponibili

I versamenti e i prelevamenti risultanti da un’indagine bancaria, qualora non vengano giustificati dal contribuente, sono automaticamente considerati ricavi o compensi non dichiarati; questo quanto chiarito dalla Sentenza della Cassazione del 6/10/2010 n. 20735

Forma Giuridica: Giurisprudenza - Corte di Cassazione
Numero 20735 del 06/10/2010
Fonte: Corte di Cassazione

Le movimentazioni bancarie risultanti da un’indagine sui conti correnti, qualora non vengano giustificate dal contribuente, sono automaticamente considerate ricavi o compensi non dichiarati, in virtù della presunzione contenuta nell’art. 32, co.2, del DPR n. 600/73. Infatti l'articolo 32 impone di considerare ricavi sia i prelevamenti sia i versamenti su conto corrente, salvo che il contribuente non provi che i versamenti sono registrati in contabilità e che i prelevamenti sono serviti per pagare determinati beneficiari, anziché costituire acquisizione di utili.
Questo quanto chairito dalla Sentenza della Cassazione n. 20735 del 6/10/2010

Ti potrebbe interessare il Focus sul Business Center su Accertamento e Contenzioso

Ti può essere utile l'e-book Strumenti deflattivi del Contenzioso tributario (eBook)





Prodotti consigliati per te

 
4,90 € + IVA
 
4,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)