E Book

La pensione ai superstiti

9,90€ + IVA

IN SCONTO 10,90

E Book

Superbonus 2024 (eBook)

16,90€ + IVA

IN SCONTO 18,90
HOME

/

LAVORO

/

MATERNITÀ, FAMIGLIA, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO

/

BUONI PASTO: SI HA DIRITTO NEL PERIODO DI ALLATTAMENTO?

Buoni pasto: si ha diritto nel periodo di allattamento?

Quando il buono pasto è cumulabile con i permessi per allattamento? Il Ministero del Lavoro chiarisce con la nota 16/2019

Ascolta la versione audio dell'articolo

I buoni pasto,   fanno parte dei benefit concessi ai lavoratori da alcune imprese, solitamente di grandi dimensioni e si possono ricomprendere nel concetto di welfare aziendale.   L'erogazione dei buoni pasto, cosi come la fruizione di una eventuale servizio di mensa aziendale, sono collegati al diritto ad effettuare un intervallo  in una giornata di lavoro  di durata superiore a 6 ore.

Quindi se la prestazione della lavoratrice non supera tale durata perche usufruisce di permessi per l'allattamentonon ha diritto all'intervallo per la pausa pranzo  e di conseguenza neppure al buono pasto,  se disponibile. Questo la risposta da parte del Ministero del lavoro a una richiesta di chiarimenti , con interpello 2 del 16 aprile 2019 .

Piu precisamente  i funzionari del  Ministero del Lavoro ricordano  la normativa sull'intervallo nella giornata di lavoro  prevista dall’articolo 8 del d.lgs. n. 66/2003 (Attuazione delle direttive 93/104/CE e 2000/34/CE)  “Qualora l’orario di lavoro giornaliero ecceda il limite di sei ore il lavoratore deve beneficiare di un intervallo per pausa, le cui modalità e la cui durata sono stabilite dai contratti collettivi di lavoro, ai fini del recupero delle energie psico-fisiche e della eventuale consumazione del pasto anche al fine di attenuare il lavoro monotono e ripetitivo.”.

Il ministero osserva che la scelta stessa del termine “intervallo” da parte del legislatore del 2003  presuppone  la successiva ripresa dell’attività lavorativa dopo la consumazione del pasto o la fruizione della pausa . Inoltre non ammette dubbi sul fatto che  va fatto riferimento ad un’attività lavorativa effettivamente prestata,

D'altra parte l'art. 39 del d.lgs. n. 151/2001 sulla  maternita che intende  favorire la conciliazione tra la vita professionale e quella familiare, ha stabilito nei confronti della lavoratrice madre il diritto ad una o due ore di riposo giornaliero (a seconda della durata della giornata lavorativa) per accudire il figlio, entro il primo anno di età. La norma non specifica la collocazione temporale dei riposi ma stabilisce   possono anche essere cumulati;

Si conclude quindi che, considerata la specifica funzione della pausa pranzo, che la legge definisce come “intervallo”,  nel caso oggetto di analisi la presenza effettiva della lavoratrice nella sede di lavoro pari a 5 ore e 12 minuti  non da diritto alla pausa pranzo. Di conseguenza  non si deve nemmeno procedere alla decurtazione dei 30 minuti della pausa pranzo dal totale delle ore effettivamente lavorate dalla lavoratrice.

Dello stesso avviso si segnalano infine  le  indicazioni fornite sull'argomento:

  • dal Dipartimento della Funzione Pubblica  (nota del 10 ottobre 2012 n. 40527): “il diritto al buono pasto sorge per il dipendente solo nell’ipotesi di attività lavorativa effettiva dopo la pausa stessa”.
  •  dall’Agenzia delle Entrate ( 21 gennaio 2013) che nelle  istruzioni ai fini della concessione del buono pasto ai propri dipendenti, individua come "presupposti imprescindibili l’effettuazione della pausa e la prosecuzione dell’attività lavorativa”.

Leggi anche "Disciplina buoni pasto e indennità di mensa"

Per approfondire ti puo interessare la pratica Scheda  "Nuova disciplina buoni pasto" di E. Gesuato

e  piu in generale il completo e-book "Fringe benefits ai dipendenti" di R. Braga

Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE MATERNITÀ, FAMIGLIA, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO MATERNITÀ, FAMIGLIA, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

MATERNITÀ, FAMIGLIA, CONCILIAZIONE VITA-LAVORO · 11/04/2024 Sgravio contributivo lavoratrici madri: conguaglio arretrati entro maggio

Tutte le istruzioni sul taglio dei contributi per le lavoratrici con almeno due figli secondo la legge di bilancio 2024. Codici uniemens e recupero arretrati

Sgravio contributivo lavoratrici madri: conguaglio arretrati entro maggio

Tutte le istruzioni sul taglio dei contributi per le lavoratrici con almeno due figli secondo la legge di bilancio 2024. Codici uniemens e recupero arretrati

Contributo genitori separati: domande entro il 31 marzo

In corso la procedura di richiesta degli assegni per i genitori separati in difficoltà A chi spettano i contributi, come si richiedono: le istruzioni INPS

Domande Assegno Unico: possibile modifica  incarico ai patronati

Nuova funzione di subentro degli istituti di patronato nelle domande di assegno unico già presentate sul web in autonomia o con un altro intermediario

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.