tasi proprietario e inquilino

Domanda e Risposta Pubblicato il 01/12/2017

TASI: responsabilità solidale solo tra proprietari

Se l'inquilino non versa la sua quota, il proprietario non è responsabile

Proprietario e inquilino sono titolari di un’autonoma obbligazione tributaria.
La responsabilità solidale è prevista dal comma 671 dell’art. 1 della legge di stabilità 2014 solo tra possessori o detentori e non, quindi, tra possessore e detentore.
Se il proprietario paga anche la quota dovuta dall’inquilino, l’inquilino non può considerarsi in regola e resta obbligato a pagare la sua quota.
 
La legge stabilisce, infatti, che proprietario e inquilino sono titolari di due distinti e autonomi obblighi tributari in riferimento alla TASI. Non c’è, quindi, alcuna solidarietà, ossia non è previsto che il proprietario che paga l’intero importo, liberi l’inquilino dall’obbligo di pagare la sua quota, e allo stesso tempo, non c’è alcuna responsabilità del proprietario se l’inquilino non paga.
 
Infatti ad esempio in caso di locazione di un immobile agli studenti, quindi non come prima casa, con contratti per singole stanze, può un inquilino pagare per tutti la quota di TASI a carico degli inquilini?
No, non è possibile. In base alla legge ciascun inquilino è responsabile di una proprie obbligazione tributaria. Quando ci sono più inquilini la somma complessivamente dovuta va suddivisa tra tutti in riferimento ai mesi nei quali è stato in vigore il contratto. Se l’importo dovuto da ciascun inquilino in base d’anno è inferiore ai 12 euro nessuno è tenuto al pagamento.

Rimani sempre aggiornato con le novità, gli approfondimenti e gli articoli presenti nel Dossier IMU-TASI-TARI (IUC) 2017
Potrebbe interessarti l'e-book IMU E TASI 2017 (eBook) un'utile Guida al pagamento dell'acconto IMU e TASI e alla compilazione della dichiarazione dei redditi. 56 pag. + normativa.


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)