tasi ripartizione tra inquilini e proprietario

Domanda e Risposta Pubblicato il 04/12/2017

La suddivisione della Tasi tra inquilino e proprietario

Se il Comune non indica il riparto tra proprietario e inquilino, la TASI va ripartita in misura pari al 10% a carico del detentore e il 90% a carico del proprietario;

Per gli immobili concessi in locazione/comodato si hanno 2 obbligazioni distinte:
  • una in capo all’inquilino/comodatario, che è tenuto a versare nella misura stabilita dal comune nel regolamento (compresa fra il 10 e il 30% dell'ammontare complessivo della TASI). Se il Comune non fissa detta percentuale, la TASI va ripartita in misura pari al 10% a carico del detentore e il 90% a carico del proprietario;
  • una in capo al proprietario, per la parte restante.

Ricordiamo che nelle faq ministeriali del 3 giugno 2014 si specifica "L’occupante deve versare il tributo nella misura minima del 10 per cento, in quanto si ritiene che una diversa percentuale di imposizione a carico del detentore debba essere espressamente deliberata dal comune stesso." Ciò significa che, se il Comune non specifica diversamente, la percentuale dovuta dall' inquilino è il 10%  dell'importo totale (calcolato, ricordiamo con l' aliquota prevista per gli immobili locati, cioè in riferimento alle condizioni del soggetto proprietario).

Inoltre ricordiamo che l’autonoma obbligazione comporta:

  • l’assenza di solidarietà tra detentore e proprietario, pertanto il Comune non può richiedere il pagamento al proprietario in caso di inadempimento del detentore e viceversa;
  • l’impossibilità tra le parti di “accordarsi” sul quantum da corrispondere, oppure di effettuare un unico versamento che “libera” entrambi dall’adempimento. In caso di più comproprietari/detentori:
  • l’importo dovuto dagli inquilini/comodatari rimane invariato (10% - 30%) ed è rimessa alla discrezionalità degli interessati la ripartizione della quota d’imposta dovuta;
  • opera la solidarietà tra i diversi comproprietari/ detentori e quindi in caso di omesso versamento, il Comune può richiedere quanto non versato a tutti i comproprietari/detentori, a prescindere dal soggetto inadempiente.

Rimani sempre aggiornato con le novità, gli approfondimenti e la rassegna stampa seguendo il Dossier IMU-TASI-TARI (IUC) 2017
Per approfondire le novità in materia di IMU e TASI ti segnaliamo il nostro ebook in pdf “IMU e TASI 2017 (E-Book)” e per effettuare il calcolo dell’IMU 2017 abbiamo predisposto il foglio di calcolo “Calcolo IMU 2017 (excel)”.


Commenti

Sono proprietaria di due immobili ,in uno ci abito,nel secondo vi abita mia suocera con regolare contratto registrato in comodato gratuito ,la stessa è invalida 100% ed ha 92 anni .La casa dove abita è esente dall' imu ? Grazie

Commento di Lucia (14:27 del 09/06/2015)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)