La settimana del Fisco dal 3 al 7 settembre 2018

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,
Ben ritrovati! Vediamo insieme la carrellata delle principali notizie fiscali della settimana, tra cui spicca la pubblicazione del decreto sulla nuova Privacy.

Privacy: in Gazzetta il decreto di coordinamento tra normativa italiana e comunitaria
E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.lgs. del 10.08.2018 che allinea la normativa privacy italiana (D.Lgs. n. 196/2003) alla nuova disciplina comunitaria (Regolamento n. 679/2016). Il decreto, che entrerà in vigore il 19.09.2018, introduce anche importanti novità in merito al regime sanzionatorio applicabile alle violazioni in materia di privacy e demanda al Garante italiano la verifica delle autorizzazioni generali, la promozione di Codici deontologici per specifici settori e l’introduzione di misure di semplificazione a favore delle micro, piccole e medie imprese, agevolando l’adempimento degli obblighi privacy da parte del titolare del trattamento.

Presto online tutte le risposte agli interpelli

Per consentire al cittadino una più ampia conoscenza di tutte le soluzioni interpretative adottate dall’Agenzia delle Entrate, le risposte a tutti gli interpelli pubblicate a decorrere dal 1° settembre 2018 saranno disponibili in forma anonima in una sezione dedicata del sito dell’Agenzia delle Entrate. A stabilirlo il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 7.8.2018. Nel caso in cui le risposte alle istanze di interpello e di consulenza giuridica contengano chiarimenti interpretativi del tutto nuovi, modifichino l’orientamento adottato in precedenti documenti di prassi o garantiscano maggiore uniformità di comportamento, la pubblicazione avverrà sotto forma di circolare o di risoluzione, che continueranno ad essere pubblicate, oltre che sul sito delle Entrate, nella banca dati del servizio di documentazione economica e finanziaria.

Nuova procedura di utilizzo dei dati dell’Archivio dei rapporti finanziari da parte dell’Agenzia delle Entrate
L’Agenzia delle Entrate ha avviato la sperimentazione per una nuova procedura di analisi del rischio di evasione che utilizza le informazioni comunicate all’Archivio dei rapporti finanziari da parte operatori finanziari indicati all’articolo 7, 6° comma, del D.p.r. 605/1973, cioè: banche, Poste italiane Spa, intermediari finanziari, imprese di investimento, organismi di investimento collettivo del risparmio, società di gestione del risparmio, ogni altro operatore finanziario. A stabilirlo il Provvedimento n. 197357 del 31 agosto 2018. La procedura individuerà le società di persone e di capitali che, pur avendo accrediti sui conti correnti di importo rilevante, per l’anno d’imposta 2016:
• hanno omesso la presentazione della dichiarazione ai fini delle imposte dirette ed ai fini IVA;
• hanno presentato la dichiarazione ai fini delle imposte dirette o ai fini IVA priva di dati contabili significativi.
I contribuenti che verranno individuati in base alla procedura di analisi del rischio di evasione saranno potenzialmente selezionabili per l’effettuazione delle ordinarie attività di controllo.

Spesometro e dati fatture: in arrivo le lettere di compliance sulle anomalie riscontrate
A partire da settembre saranno inviate ai contribuenti le lettere di compliance fondate sulle anomalie riscontrate nell’adempimento dello spesometro e dei dati fattura per gli anni d’imposta 2016/2017. Lo scopo di queste lettere è consentire al contribuente di regolarizzare le anomalie attraverso l’istituto del ravvedimento operoso. A tal fine, il contribuente potrà:
• compilare una dichiarazione integrativa, il cui prospetto precompilato è già presente nel suo Cassetto fiscale, nel caso in cui ritenesse fondata la segnalazione;
• fornire informazioni per giustificare l’anomalia.



Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *