La settimana del fisco dal 26 al 30 Gennaio 2015

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn IUC (Imu - Tasi - Tari), Parliamo di ..., Settimana del Fisco, Start-up Innovative

Cari amici buongiorno ! Vediamo insieme  le principali novità fiscali della settimana che si sta concludendo.

 E’ stato approvato dal Consiglio dei Ministri di venerdì 23 gennaio e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 19 del 24.01.2015 il decreto legge che definisce le regole per l’IMU dei terreni agricoli montani per il 2014 e per il 2015. Si tratta del D.L. n. 4 del 24.01.2015. n Con effetto a partire dall’IMU 2015 (che si pagherà a giugno e dicembre), ci si rifarà all’elenco dei Comuni montani elaborato dall’Istat, colonna R. In particolare, l’esenzione dall’IMU si applica:

– ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, ubicati nei Comuni classificati come totalmente montani (sigla T), come riportato dall’elenco dei Comuni italiani predisposto dall’Istat;

– ai terreni agricoli, nonché a quelli non coltivati, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, ubicati nei Comuni classificati come parzialmente montani (sigla P), come riportato dall’elenco dei Comuni italiani predisposto dall’Istat.

Si pagherà l’IMU, invece, per quei terreni classificati con la sigla NM, cioè non montani.

Tali criteri si applicano anche all’IMU per l’anno di imposta 2014, la cui scadenza di versamento è slittata dal 26 gennaio al 10 febbraio 2015. Per l’anno 2014 non è, comunque, dovuta l’Imu per quei terreni che erano esenti in virtù del decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze del 28 novembre 2014 (criterio altimetrico)e che, invece, risultano imponibili per effetto dell’applicazione dei criteri sopra elencati (elenco Istat).

 E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 19 del 24.01.2015 il decreto legge sul c.d. “investment compact” (D.L. n. 3 del 24.01.2015), contenente “misure urgenti per il sistema bancario e gli investimenti”. Il decreto legge, in vigore dal 25 gennaio, prevede, in particolare: la modifica della disciplina delle banche popolari; la semplificazione della portabilità dei conti correnti; l’estensione della disciplina delle start up innovative di cui al D.L. n. 179/2012 anche alle “PMI innovative” definendone caratteristiche e requisiti; la modifica della tassazione dei redditi derivanti da beni immateriali estendendo il “patent box” a tutti i marchi commerciali. Con riferimento alle banche popolari, viene stabilito che l’attivo della banca popolare non può superare 8 miliardi di euro. In caso di superamento del limite, se entro un anno l’attivo non è stato ridotto al di sotto della soglia né è stata deliberata la trasformazione in società per azioni o  la liquidazione, la Banca d’Italia può adottare il divieto di intraprendere nuove operazioni o proporre alla Banca centrale europea la revoca   dell’autorizzazione all’attività bancaria e al Ministro dell’economia e delle finanze la liquidazione coatta amministrativa.

 E’ ancora possibile per gli operatori effettuare la comunicazione “black list” relativa all’ultimo periodo 2014 con le vecchie modalità, come era stato precisato dall’Agenzia delle Entrate con comunicato stampa del 19.12.2014. Avvalendosi di tale possibilità, non sarà necessario nel 2015 presentare la comunicazione annuale relativa al 2014. Pertanto, i soggetti Iva mensili/trimestrali che effettuano operazioni con operatori economici aventi sede, residenza o domicilio negli Stati o territori a regime fiscale privilegiato (Paesi c.d. “black-list”), entro il 2 febbraio (il 31 gennaio cade di sabato) possono ancora effettuare la comunicazione mensile (dicembre 2014) o trimestrale (4° trimestre 2014) degli elenchi riepilogativi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi di importo superiore a € 500, effettuate e ricevute, nei confronti di operatori economici aventi sede, residenza o domicilio in Paesi c.d. “black-list”.

E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 18 del 23 gennaio 2015 il Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 29 dicembre 2014 che, in base alle regole stabilite del D.Lgs. n.  175/2014 (decreto semplificazioni fiscali), ridefinisce i compensi spettanti a Caf e professionisti abilitati per l’attività svolta per la dichiarazione precompilata. I livelli di remunerazione saranno articolati su tre scaglioni con importi unitari a salire nel corso degli anni.

 Con comunicato stampa n. 17 del 16 gennaio 2015, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha informato che l’Italia e la Svizzera hanno raggiunto un’intesa di principio sulla cooperazione nelle questioni fiscali e che i due Governi stanno preparando la firma di un Protocollo di modifica della Convenzione per evitare le doppie imposizioni e di una roadmap. Entrambi i documenti dovrebbero essere firmati prima del termine del 2 marzo 2015, definito dalla normativa italiana sulla regolarizzazione dei capitali detenuti all’estero (voluntary disclosure).

Da oggi parte ufficialmente l’operazione “voluntary disclosure”, ovvero la collaborazione volontaria per il rientro dei capitali dall’estero. A confermarlo è stata, nel corso di Telefisco 2015,  ieri 29 gennaio, lo stesso direttore delle Entrate, Rossella Orlandi, che ha infatti affermato che oggi sar resa disponibile sul sito internet dell’Agenzia la versione definitiva del modello di adesione e le relative istruzioni. A seguire, verrà pubblicata anche una circolare esplicativa sugli aspetti dubbi della disciplina.

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *