La settimana del Fisco dal 25 al 29 maggio 2015

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Ben ritrovati! Vediamo quali sono state le principali novità fiscali dell’ultima settimana.

 E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 116 del 21 maggio 2015 il decreto del 15 maggio del Ministero dell’Economia e delle Finanze sull’approvazione dei correttivi anticrisi agli studi di settore per il periodo d’imposta 2014. La revisione riguarda il settore delle manifatture, dei servizi, delle attività professionali e del commercio, per tener conto degli effetti della crisi economica e dei mercati. I contribuenti che, per il periodo d’imposta 2014, dichiarano al fisco , ricavi o compensi allineati a quelli risultanti dall’applicazione degli studi di settore integrati con i correttivi approvati con il decreto, non sono assoggettabili, per tale annualità, ad accertamento ai sensi dell’articolo 10 della Legge n. 146/1998. Con il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate del 22 maggio 2015, sono stati poi approvati i modelli definitivi relativi agli studi di settore per l’anno 2014, che quindi sono stati resi disponibili online sul sito delle Entrate, mentre la versione definitiva del software Gerico 2015, utile ai fini della compilazione dei modelli relativi agli studi di settore, è stata pubblicata online il 27 maggio.

Le associazioni di categoria, nonostante la pubblicazione della versione definitiva di Gerico, ritengono che la proroga dei versamenti di Unico sia comunque necessaria, dati i tempi troppo ristretti e le difficoltà operative. Così, in una lettera inviata da Rete imprese Italia al ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, hanno formalizzato la richiesta di rinvio della scadenza del 16 giugno. E la proroga sembrerebbe ormai vicina, in quanto il testo del Dpcm di proroga sarebbe già pronto e avrebbe già ricevuto il visto della Ragioneria generale dello Stato. Il differimento sarebbe, come ormai di consueto, al 6 luglio per i contribuenti soggetti agli studi di settore, ma anche per i contribuenti minimi (quelli con imposta sostitutiva al 5%) e per quelli che hanno aderito al nuovo regime forfetario introdotto dalla Legge di stabilità 2015 (che prevede soglie di ricavi variabili in base all’attività ed un’imposta sostitutiva del 15 per cento). Analogamente, il termine per il versamento con maggiorazione dello 0,40% si sposterebbe dal 16 luglio al 20 agosto (sfruttando la tradizionale sospensione ferragostana che fa slittare tutti i versamenti in scadenza dal 1° al 20 agosto).

 Sono disponibili sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate gli elenchi definitivi 2015 degli enti del volontariato e delle associazioni sportive dilettantistiche, aggiornati e integrati rispetto a quelli pubblicati lo scorso 14 maggio. Le liste tengono conto delle correzioni di eventuali errori anagrafici, segnalati alla Direzione regionale dell’Agenzia territorialmente competente. I candidati definitivi che godranno delle agevolazioni del Fisco  salgono così a quota 49.971.

 Sono stati resi disponibili on line sul sito dell’Agenzia delle Entrate i software di compilazione e controllo del modello Irap/2015 e dei modelli UNICO SC 2015 e UNICO PF 2015. Il software di compilazione consente la redazione della dichiarazione e la creazione del relativo file da inviare telematicamente. Il software di controllo segnala, invece, eventuali errori e anomalie riscontrati nella dichiarazione e nei relativi allegati. In tutti i casi, i due pacchetti informatici sono fruibili direttamente dal web, senza attivare complesse procedure di installazione.

 Con provvedimento direttoriale del 28 maggio 2015, l’Agenzia delle Entrate ha definito termini e modalità di invio, da parte degli operatori finanziari, dei dati concernenti la giacenza media annua dei conti correnti e dei depositi bancari. Infatti, la Legge di Stabilità 2015 ha previsto che, da quest’anno, debbano essere comunicati anche tali dati al Fisco (all’Archivio dei rapporti finanziari -apposita sezione dell’Anagrafe tributaria), dal quale l’Agenzia delle Entrate attinge informazioni per le indagini finanziarie e per l’attività di analisi del rischio di evasione. La nuova informazione sarà utilizzata dall’Amministrazione finanziaria principalmente per effettuare i controlli ai fini dell’Isee.

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *