La settimana del fisco dal 2 al 6.10.2017

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,  Ben ritrovati! Nella nostra carrellata delle principali notizie fiscali della settimana sempre , purtroppo, in evidenza lo spesometro.

Spesometro: proroga al 16 ottobre
“Viene posticipato al 16 ottobre 2017 il termine per effettuare la comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei dati delle fatture emesse e ricevute relative al primo semestre del 2017. La proroga è prevista da un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM), su proposta del Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan, che oggi ha firmato il provvedimento”.

E’ questo il testo del comunicato stampa del MEF pubblicata nella serata del 4 ottobre a poche ore dal termine previsto per l’invio dei dati con lo spesometro. Continuano le proteste dei professionisti perché sono poco chiare le regole sulle sanzioni.

Spesometro 2017: aggiornate le FAQ dell’Agenzia
Continuano i chiarimenti sullo spesometro. Le Entrate hanno aggiornato le FAQ sullo spesometro chiarendo in particolare alcuni aspetti sulle agenzie di viaggio e turismo, sugli acquisti intracomunitari, sulle autofatture, sul campo codice fiscale nel caso di una controparte estera.

Legge di stabilità 2018: CNA chiede conferma dei bonus edilizi
Dopo la pubblicazione del DEF si inizia a parlare della Legge di stabilità 2018. Con un comunicato stampa il CNA (Confederazione Nazionale per l’Artigianato e la Piccola Impresa) ha chiesto la proroga e la conferma dei bonus edilizi 2017.

Credito d’imposta R&S: le nuove FAQ del MISE
Aggiornate le FAQ presenti sul sito del MISE sul credito d’imposta per ricerca e sviluppo per le spese sostenute nel periodo 2017-2020. Si ricorda che il beneficio consiste nel credito d’imposta del 50% su spese incrementali in Ricerca e Sviluppo, riconosciuto fino a un massimo annuale di 20 milioni di €/anno per beneficiario e computato su una base fissa data dalla media delle spese in Ricerca e Sviluppo negli anni 2012-2014. Il credito d’imposta può essere utilizzato, anche in caso di perdite, a copertura di un ampio insieme di imposte e contributi. In particolare, sono agevolabili tutte le spese relative a ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale.

Startup innovative: operative le modifiche agli incentivi per gli investimenti
Sono pienamente operative le modifiche che hanno rafforzato e reso permanenti gli incentivi fiscali per chi investe in startup innovative, previste dalla legge di bilancio per il 2017 e ora autorizzate dalla Commissione europea.  Gli incentivi sono volti a sostenere la nascita e lo sviluppo di imprese innovative ad alto valore tecnologico e sono destinati sia alle persone fisiche che alle persone giuridiche che decidono di investire nel capitale delle start-up innovative.

·         Per le persone fisiche è prevista una detrazione dall’IRPEF lorda pari al 30% della somma investita nel capitale sociale delle start-up innovative, fino ad un investimento massimo di un milione di euro annui.

·         Le persone giuridiche possono beneficiare di una deduzione dall’imponibile IRES pari al 30% dell’investimento, con tetto massimo di investimento annuo pari a 1,8 milioni di euro.

Piani individuali di risparmio 2017: online le linee guida sul sito MEF
Con un comunicato stampa, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato e commentato le linee guida per l’adesione semplificata al PIR: piano di risparmio individuali, finalizzati a sostenere le imprese che operano in Italia. I PIR prevedono una consistente agevolazione fiscale sui rendimenti (esenzione dall’imposta sui redditi e dall’imposta di successione se l’investimento è mantenuto per almeno cinque anni) fruibile dai risparmiatori fiscalmente residenti in Italia. Il trasferimento della residenza fiscale all’estero fa venir meno uno dei requisiti posti dalla legge per fruire dell’agevolazione.

Concludiamo con l’avviso dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione sui nuovi tentativi di phising a danno dei contribuenti. Nelle mail viene fatto riferimento a presunti avvisi di pagamento che invitano a scaricare file o effettuare pagamenti. L’Agenzia dichiara la sua totale estraneità a questi messaggi, raccomandando ai contribuenti di non tenere conto della mail e di eliminarla non appena ricevuta.


Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *