La settimana del fisco dal 14 al 18 Ottobre 2013

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo insieme le principali novità fiscali di questa settimana.

Il Governo ha varato, il 15 ottobre scorso, il Disegno di legge di Stabilità 2014. Si tratta di una manovra da 11,6 miliardi di euro per il 2014, con riduzioni di spesa per 3,5 miliardi. Il taglio del cuneo fiscale è da 3 miliardi di euro per il 2014.

  • La riduzione del cuneo fiscale inizierà dal 2014 con oltre 2,5 miliardi di euro. Un miliardo e mezzo servirà per ridurre l’Irpef per le fasce di reddito medio – basse. Quaranta milioni saranno utilizzati per ridurre l’IRAP sulla quota lavoro. Un miliardo, infine, verrà utilizzato per ridurre i contributi sociali sulle imprese. Le misure comporteranno, nel triennio 2014-2016, una riduzione delle tasse per le imprese di 5,6 miliardi e per i lavoratori di 5 miliardi di euro.
  • Viene poi inserita la proroga fino a tutto il 2014 sia della detrazione Irpef del 50% per le spese di ristrutturazione edilizia, incluse quelle per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici, sia della detrazione Irpef/Ires del 65% per le spese sostenute per interventi volti al risparmio energetico dell’edificio.
  • Una delle misure più contestate del Disegno di Legge di Stabilità 2014 è, tuttavia, l’introduzione della TRISE, il nuovo tributo sui servizi, il quale è costituito da due componenti: la TARI sui rifiuti, che sarà commisurata alla superficie calpestabile e che successivamente si trasformerà in TARIP (tariffa commisurata alla quantità e qualità di rifiuti prodotti), e la TASI sui servizi indivisibili, che avrà inizialmente un’aliquota pari all’1 per mille e che utilizzerà la stessa base imponibile dell’Imu. Tuttavia, la TASI, pur basandosi sulla stessa base imponibile dell’IMU, non prevede alcun sistema di detrazioni, almeno per ora.
  • Il bonus per le capitalizzazioni introdotto dal governo Monti per favorire la capitalizzazione, l’ACE (Aiuto alla crescita economica) salirà progressivamente fino al 5%.
  • Nel disegno di legge è stato inserito, invece  il taglio alle detrazioni Irpef che oggi sono al 19% (come le spese mediche) e che scenderanno al 18% per l’anno d’imposta 2013 e al 17% per l’anno d’imposta 2014.

 Equitalia ha ulteriormente ampliato l’utilizzo del canale telematico per il pagamento delle cartelle, permettendo ora ai contribuenti di pagare l’importo aggiornato del debito direttamente agli sportelli postali, senza ulteriori verifiche e adempimenti Il servizio per ora è attivo solo in via sperimentale a Roma e provincia. Entro l’anno il nuovo servizio dovrebbe essere operativo in tutti i 14.000 uffici postali.

L’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile on line il SID, l’infrastruttura telematica che consente agli operatori finanziari di comunicare all’Anagrafe tributaria le informazioni sui saldi e sulle movimentazioni dei conti. Gli operatori, anche se scelgono di trasmettere i dati tramite Posta elettronica certificata, devono comunque accreditarsi al Sid, che assicura sicurezza e riservatezza dei dati scambiati. Anche per i gestori di nodi si rende necessario svolgere la fase di accreditamento. La procedura di accreditamento prevede: la registrazione ai servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel, Fiscoonline), se non in possesso delle credenziali; la comunicazione del canale utilizzato per l’invio: Pec (con indicazione dell’indirizzo) oppure Ftp (con la selezione di un nodo tra quelli già attivi).

 

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *