La settimana del fisco dal 10 al 14 giugno 2013

di Dott. Ernesto Zamberlan CommentaIn Parliamo di ..., Settimana del Fisco

Amici e Colleghi,

Ben ritrovati! Vediamo insieme le principali novità fiscali dell’ultima settimana.

La notizia più attesa dagli operatori dell’ambito fiscale era la proroga dei versamenti delle imposte derivanti da UNICO. Con comunicato stampa n. 94 del 13 giugno 2013, il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha annunciato che è stato prorogato dal 17 giugno all’8 luglio 2013 il termine entro il quale è possibile effettuare, senza maggiorazione, i versamenti che risultano dai modelli di dichiarazione Unico e Irap. I versamenti possono essere effettuati anche dal 9 luglio al 20 agosto (anziché dal 18 giugno al 17 luglio), maggiorando le somme da versare dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo. La nuova scadenza riguarda tutti i contribuenti (persone fisiche e non) che esercitano attività economiche per le quali sono stati elaborati gli studi di settore, indipendentemente dall’esistenza di cause di esclusione o di inapplicabilità, e che dichiarano ricavi o compensi non superiori al limite stabilito dalla legge. La proroga si applica anche a coloro che partecipano a società, associazioni e imprese, in regime di trasparenza e ai contribuenti che adottano il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità. Il D.P.C.M. che prevede tale proroga è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.139 del 15 Giugno 2013.

E’ stata, poi, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 132 del 7 giugno 2013 la Legge n. 64 del 6 giugno 2013, di conversione del D.L. n. 35 dell’8 aprile 2013. Si tratta del c.d. “Decreto sblocca – debiti“, “recante disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario degli enti territoriali, nonché in materia di versamento di tributi degli enti locali”. La legge è entrata in vigore da sabato 8 giugno, giorno successivo alla sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

La legge prevede alcune modifiche alle modalità di calcolo dell’IMU. In particolare, stabilisce che, per il versamento della prima rata, si deve fare riferimento all’aliquota e alle detrazioni dei 12 mesi dell’anno precedente, senza quindi che sia più necessario verificare l’avvenuta pubblicazione delle delibere e dei regolamenti da parte del Comune entro il 17.06.2013. Il versamento della seconda rata, invece, dovrà avvenire, a saldo di quanto dovuto per l’intero anno e con eventuale conguaglio della prima rata versata, sulla base degli atti pubblicati nel sito del Mef entro il 28.10 di ciascun anno d’imposta. A tal fine, il Comune è tenuto ad effettuare l’invio telematico entro il 21.10 dell’anno stesso. In caso di mancata pubblicazione entro il 28.10, “si applicano gli atti adottati per l’anno precedente”.

Sempre con riguardo all’IMU, il Decreto sblocca – debiti modifica, oltre che le modalità di calcolo dell’imposta, anche il termine di presentazione della dichiarazione IMU. Tale scadenza, prima fissata nel termine mobile di 90 giorni dal verificarsi delle variazioni, è ora stabilita nel termine fisso del 30.06 dell’anno successivo a quello in cui in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell’imposta.

Inoltre, la legge ha esteso la possibilità di ottenere la certificazione dei crediti vantati verso la Pubblica Amministrazione anche a quelli derivanti da prestazioni professionali (oltre che da somministrazioni, forniture e appalti). I crediti vantati verso la P.A. devono essere non prescritti, certi, liquidi ed esigibili. Nei confronti dei professionisti non è stata, tuttavia, estesa la possibilità di compensare i crediti verso la Pubblica Amministrazione con i debiti tributari, come previsto invece nel caso delle imprese.

Sono state presentate in Commissione alla Camera le proposte di modifica al decreto IMU-Cig. Tra le principali proposte, emergono: le richieste di deducibilità dell’IMU per le imprese anche ai fini Irap; l’abbandono del coefficiente automatico di rivalutazione delle rendite degli immobili con l’introduzione dell’utilizzo dei valori OMI (Osservatorio Mercato Immobiliare) in attesa della Riforma del Catasto; la cancellazione della maggiorazione della Tares; la cancellazione dell’addizionale all’Irpef grazie alla riforma della tassazione immobiliare; con riguardo alla Cassa integrazione, maggiori tutele ai lavoratori del settore edile.

Dovrebbe essere varato già la prossima settimana il nuovo pacchetto semplificazioni, che si pone come obiettivi la riduzione degli oneri amministrativi a carico delle imprese, con riguardo all’inizio attività, agli obblighi ambientali e paesaggistici, alle partecipazioni alle gare d’appalto, agli obblighi tributari. Il taglio del cuneo fiscale è tra gli obiettivi del Governo, ma il Ministro dell’Economia informa che non potrà essere attuato nel breve termine. Resta ancora il nodo dell’aumento dell’IVA dal 21% al 22% dal prossimo 1° luglio che, come anticipato dal ministro dello Sviluppo Economico, sarà difficile scongiurare.

Da martedì 18 giugno entrano in vigore le nuove norme che regolano il condominio a seguito della Riforma del Condominio attuata dalla Legge n. 220/2012, dopo un lungo periodo di vacatio legis. Il primo banco di prova per la riforma del condominio saranno le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie ed il risparmio energetico. Saranno, infatti, le assemblee con le nuove maggioranze a decidere se attivare i lavori fruendo della proroga dei due eco-bonus, che ora sono stabiliti nella misura del 50% per le ristrutturazioni edilizie eseguite fino al 31.12.2013 e nella misura del 65% per i lavori di risparmio energetico eseguiti fino al 30.06.2014 nel caso dei condomìni.

Autore dell'articolo
identicon

Dott. Ernesto Zamberlan

Iscritto all'Albo dei Dottori Commercialisti di Padova dal 1994 - Revisore Legale dei Conti. Svolge la propria attività dall'anno di iscrizione all'albo nei confronti di: società di persone e di capitali, artigiani, professionisti e associazioni di categoria. Fondatore del sito www.fiscoetasse.com assieme alla collega Rag. Luigia Lumia per promuovere nella professione i nuovi strumenti informatici di aggiornamento e comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *