HOME

/

FISCO

/

EREDITÀ E SUCCESSIONE 2022

/

FINANZIARIA 2007 - TORNA L'IMPOSTA DI SUCCESSIONE

Finanziaria 2007 - torna l'imposta di successione

La reintroduzione dell'imposta di successione/donazione assieme alla indeducibilità dei costi delle auto aziendali
rappresentano le principali novità del D.L. 262 del 3.10.2006, pubblicato nella G.U. del 3.10.2006 ed entrato in vigore immediatamente.

1) Ritorna l'imposta sulle successioni e sulle donazioni

Come era nelle attese, dal 3.10.2006 e' stata ripristinata l'imposta sulle successioni nonche' quella sulle donazioni. Anziche' tassarle con l'apposita imposta esse saranno assoggettate ad imposta di registro, ipotecarie e catastali; cambia percio' il nome dell'imposta ma non la sostanza.

Cambia anche il nome della Dichiarazione di successione che d'ora in avanti si chiamera' Dichiarazione di trasferimenti per causa di morte .
Saranno tassate pertanto le eredita' ed i legati comprendenti immobili, aziende, azioni, quote di societa', obbligazioni, ecc. Rimarranno esenti da tassazione Bot, Cct e altri titoli pubblici , come pure sembra il denaro (conti correnti, libretti, ecc.), i gioielli ed i mobili.

Di seguito un riepilogo delle varie ipotesi e delle aliquote gia' in vigore.


1) Successioni mortis causa


Eredi
IMMOBILI
Altri beni
 
Imposta di Registro
Imposta Ipotecaria
Imposta Catastale

Coniuge o parenti in linea retta

nessuna

Se abitazione principale del defunto, 168 euro fino ad un valore catastale di 250.000 euro, oltre il 3%.

Se non abitazione principale del defunto il 3%.

Se abitazione principale del defunto, 168 euro fino ad un valore catastale di 250.000 euro, oltre l'1%.

Se non abitazione principale del defunto l'1%.

Fino a 100.000 euro nulla, oltre il 4%.

Parenti fino al 4° grado, affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al 3° grado

2%

3%

1%

6%

Altri eredi

4%

3%

1%

8%


Per cui ereditare una non prima casa per un coniuge o un figlio costera' il 4% del suo valore catastale, per eredi piu' lontani costera' dal 6% fino all'8%.

Per le successioni di aziende la base imponibile sara' data dal Netto Patrimoniale senza l'avviamento. In compenso non sara' piu' possibile dedurre i debiti lasciati dal defunto (es.: il mutuo sull'immobile ereditato).


2) Donazioni


Eredi

I M M O B I L I

Altri beni

 
Imposta di Registro
Imposta Ipotecaria
Imposta Catastale
 

Coniuge o parenti in linea retta

nessuna

Se prima casa per il donatario, 168 euro fino ad un valore catastale di 180.000 euro, oltre il 3%.

Se non prima casa per il donatario il 3%.

Se prima casa per il donatario, 168 euro fino ad un valore catastale di 180.000 euro, oltre l'1%.

Se non prima casa per il donatario l'1%.

Fino a 100.000 euro nulla, oltre il 4%.

Parenti fino al 4° grado, affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al 3° grado

2%

3%

1%

6%

Altri donatari

4%

3%

1%

8%


Nelle donazioni e' tassato anche il denaro, non i titoli pubblici (Bot, Cct, ecc.).

2) La vera rivoluzione: indeducibilita' totale dei costi delle auto aziendali

L'art. 7 c. 25 del D.L. prevede (con effetto retroattivo all'1.1.2006):
  • la totale indeducibilità (prima era il 50%) dei costi delle autovetture aziendali e delle sue spese d'impiego (benzina, manutenzioni, bollo, assicurazione, ecc.) compreso l'ammortamento;
  • per le autovetture affidate a dipendenti la deducibilita' viene limitata al benefit del dipendente: dai nostri primi calcoli risulta per un'autovettura media che il benefit ammonti a circa 4.000/4.500 euro all'anno, pertanto diventano indeducibili tutti gli ulteriori costi, ammortamento compreso;
  • per i professionisti la deducibilita' del 25% dei costi auto (prima era il 50%), compreso l'ammortamento: essendo rimasto il massimale di 18.076 euro nell'ammortamento auto, il professionista potra' dedurre annualmente solo 1.130 euro per 4 anni, sempreche' la sua auto costi piu' di 18.076 euro;
  • per i rappresentanti non cambia nulla, rimane la deducibilita' dell'80% dei costi auto, compreso l'ammortamento nei limiti del vecchio massimale.
  • il benefit al dipendente affidatario di un'auto viene incrementato dal 30% di 15.000 Km al 50%, quindi passa da 4.500 a 7.500 Km: da ottobre 2006 in busta paga occorrera' aggiornare la retribuzione in natura corrispondente all'utilizzo dell'auto aziendale (e magari rivedere la fiscalita' delle auto utilizzando per esempio quella del dipendente con conseguente rimborso chilometrico).

3) Violazioni in materia di scontrini e ricevute fiscali - Leasing immobiliari

Violazioni in materia di scontrini e ricevute fiscali

E' stata inasprita la sanzione per la loro mancata emissione. Mentre prima di oggi occorrevano tre violazioni in tempi diversi di emissione di scontrino o ricevuta per arrivare alla chiusura temporanea dell'esercizio, d'ora in avanti sara' sufficiente una sola violazione.


Leasing immobiliari


Anche per i leasing immobiliari sara' indeducibile la frazione (almeno il 30%) di quota capitale pagata periodicamente in quanto riferibile al costo del terreno su cui insiste il fabbricato. Viene pertanto parificato il trattamento fiscale degli immobili strumentali acquisiti in leasing a quello degli immobili di proprieta' .

Pertanto i conteggi a fine esercizio si complicheranno ulteriormente: non si dovrà solo calcolare gli interessi passivi compresi nei canoni periodici di leasing - indeducibili ai fini Irap - ma si dovranno sottrarre ai fini Ires dai canoni di competenza e rendere indeducibile fiscalmente almeno il 30% di tale differenza.

Allegato

COLLEGATO ALLA FINANZIARIA 2007 - Decreto Legge del 03/10/2006 n. 262
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

EREDITÀ E SUCCESSIONE 2022 · 10/08/2022 La Collazione ereditaria

La collazione ereditaria è un istituto giuridico di estrema importanza quando si apre una successione che ha lo scopo di ristabilire l’uguaglianza tra i coeredi legittimi

La Collazione ereditaria

La collazione ereditaria è un istituto giuridico di estrema importanza quando si apre una successione che ha lo scopo di ristabilire l’uguaglianza tra i coeredi legittimi

Donazioni ai figli: sono tassabili? Un piccolo compendio

Le donazioni ai figli sono atti quotidiani dei genitori: l'acquisto della casa, l'elargizione di somme di denaro piu' o meno consistenti anche come anticipi dell'eredità

Conti intestati al de cuius e comunione di beni. Imponibilità al 100%

Vanno interamente in successione conti correnti intestati unicamente al de cuius, seppur tra i coniugi vige il regime di comunione dei beni. A dirlo le Entrate

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.