HOME

/

FISCO

/

RIFORMA FISCALE 2023-2024

/

I REATI FISCALI NEL DECRETO SANZIONI TRIBUTARIE

I reati fiscali nel decreto sanzioni tributarie

Riforma fiscale e Schema di Decreto legislativo recante revisione del sistema sanzionatorio tributario

Ascolta la versione audio dell'articolo

Lo schema di D.Lgs. di riforma delle sanzioni tributarie interviene anche in materia di sanzioni penali aventi per oggetto il versamento dei tributi e il piano di pagamento dei debiti, prevedendo anche la non punibilità degli omessi versamenti delle ritenute e dell’IVA.

Di seguito la prima parte dello speciale dedicato al c.d. Decreto sanzioni tributarie.

Leggi anche:


1) I reati fiscali: la disciplina

L’applicazione delle norme penali in materia tributaria è disciplinata dal D. Lgs. 10 marzo 2000, n. 74. All’art. 1 vengono arricchite le definizioni con l’aggiunta delle lettere g-quater) e g-quinquies) specificando i concetti di “crediti non spettanti” e di “crediti inesistenti”.

Va ricordato che, limitatamente all’ambito amministrativo delle sanzioni, gli artt. 3 e 29 del D. Lgs. 18 dicembre 1997, n. 472, stabiliscono che:

  1. nessuno può essere assoggettato alla sanzione se non in forza di una legge entrata in vigore prima che la violazione sia stata commessa;
  2. nessuno può essere assoggettato alla sanzione per un fatto che secondo una legge posteriore non costituisce violazione;
  3. se la sanzione è già stata irrogata con provvedimento divenuto definitivo, il debito residuo si estingue ma non è ammessa la  ripetizione di quanto è già stato pagato;
  4. se la legge in vigore al momento in cui la violazione è stata commessa e la legge successiva stabiliscono sanzioni di entità diversa, si applica la sanzione più favorevole salvo che il provvedimento di irrogazione delle sanzioni sia divenuto definitivo.

Termini lessicali (art.1)

Definizione
Contenuto della definizione
fatture o altri documenti per operazioni inesistenti (lett.a)

fatture o altri documenti con rilievo probatorio analogo a fini fiscali:

  • che sono emessi a fronte di operazioni inesistenti, anche in parte;
  • che indicano corrispettivi o IVA in misura superiore a quella reale;
  • che sono riferiti a soggetti diversi da quelli effettivi;
elementi attivi o passivi (lett.b)
componenti espresse in cifra che concorrono (in senso positivo o negativo) a determinare il reddito o la base imponibile rilevante ai fini delle imposte sui redditi e dell’imposta sul valore aggiunto;
dichiarazione (lett.c)
comprende anche la dichiarazione presentata in qualità di amministratore, liquidatore o rappresentante di società, enti o persone fisiche o chi sostituto d’imposta;
fine di evadere le imposte e fine di consentire a terzi l’evasione (lett.d)
  • il fine comprende, rispettivamente quello di conseguire un debito rimborso o il riconoscimento di un inesistente credito d’imposta e di consentirli a terzi;
  • per chi agisce in qualità di amministratore, di liquidatore o di rappresentante di società, enti e persone fisiche, il fine è riferito al soggetto per conto del quale si agisce;
imposta evasa (lett. f)
differenza tra l’imposta effettivamente dovuta e quella dichiarata (ovvero l’intera imposta dovuta nel caso di omessa dichiarazione) al netto delle somme versate dal contribuente o da terzi a titolo di acconto, di ritenuta o comunque in pagamento di detta imposta prima della presentazione della dichiarazione o della scadenza del relativo termine;
soglia di punibilità riferita all’imposta evasa (lett.g)
è estesa anche all’ammontare dell’indebito rimborso richiesto o dell’inesistente credito d’imposta esposto nella dichiarazione;
operazioni simulate oggettivamente o soggettivamente (lett.g-bis)
operazioni apparenti diverse da quelle di cui all’art. 10 della L. 27 luglio 2000, n. 212, poste in essere con volontà di non realizzarle o riferirle  a soggetti fittiziamente interposti;
mezzi fraudolenti (lett. g-ter)
condotte artificiose attive nonché omissive in violazione di specifico obbligo giuridico che determinano una falsa rappresentazione di realtà;
crediti non spettanti (lett. g-quater)

sono crediti diversi da quelli previsti  dalla lett. g-quinquies), fondati su fatti reali non rientranti nella disciplina attributiva per il difetto di specifici elementi o particolari qualità;

sono crediti non spettanti anche i crediti utilizzati in violazione delle modalità di utilizzo previste dalle leggi vigenti ovvero, per la relativa eccedenza, quelli friuiti in misura superiore a quella prevista;

si considerano spettanti, tuttavia, i crediti fondati sulla base di fatti reali rientranti nella disciplina attributiva, nonché utilizzati in misura e con le modalità stabilite dalla medesima, ma in difetto dei prescritti adempimenti amministrativi di carattere strumentale, sempre che gli stessi non siano previsti a pena di decadenza;

crediti inesistenti (lett. g-quinquies)
sono crediti per i quali mancano, in tutto o in parte, i presupposti costitutivi.

2) I reati fiscali: l’omesso versamento di ritenute (art. 10-bis)

Secondo l’art. 10-bis, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni chi non versa, entro il termine 31 dicembre dell’anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale di sostituto d’imposta (e non più “entro il termine previsto per la presentazione della dichiarazione annuale di sostituto d’imposta”), le ritenute dovute sulla base della stessa dichiarazione o risultanti dalla certificazione che è stata rilasciata ai sostituiti per un ammontare superiore a € 150.000 per ciascun periodo di imposta.

Secondo la nuova versione, permane l’aspetto punitivo ma – ed ecco la novità – con la puntualizzazione “sempre che:

  1. il debito tributario non sia in corso di estinzione mediante pagamenti rateali ai sensi dell’art. 3-bis del D:Lgs. 18 dicembre 1997, n. 462, cioè in base ai controlli automatizzati e formali delle dichiarazioni dei redditi);
  2. si verifichi la decadenza dal beneficio della rateazione ai sensi dell’art. 15-ter del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, e l’ammontare del debito residuo sia comunque superiore a € 150.000”.

3) I reati fiscali: l’omesso versamento dell’IVA (art. 10-ter)

Il presupposto di punibilità dell’omesso versamento dell’IVA è rappresentato dal mancato versamento dell’IVA per un importo superiore a € 250.000 per ciascun periodo di imposta entro il termine del  31 dicembre dell’anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale (e non più entro il termine per il versamento dell’acconto relativo al periodo d’imposta successivo). 

Secondo la nuova versione, la norma si applica “sempre che:

  1. il debito tributario non sia in corso di estinzione mediante pagamenti rateali ai sensi dell’art. 3-bis del D:Lgs. 18 dicembre 1997, n. 462, cioè in base ai controlli automatizzati e formali delle dichiarazioni dei redditi);
  2. si verifichi la decadenza dal beneficio della rateazione ai sensi dell’art. 15-ter del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602, e l’ammontare del debito residuo sia comunque superiore a € 75.000”.

Il reato di omesso versamento si consuma non con un qualsiasi ritardo nel versamento rispetto alle scadenze previste ma è necessario che l’omissione del versamento si protragga fino al 31 dicembre dell’anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione annuale.

Se nel periodo d’imposta il contribuente ha effettuato più compensazioni per importi complessivamente inferiori alla soglia, secondo la Circolare 4 agosto 2006, n. 28/E, “il delitto si perfeziona alla data in cui si procede, nel medesimo periodo d’imposta, alla compensazione di un ulteriore importo di crediti non spettanti o inesistenti che, sommato agli importi già utilizzati in compensazione sia superiore al limite previsto”.

La violazione è punita con la reclusione da 6 mesi a 2 anni.

4) I reati fiscali: l’indebita compensazione dei crediti (art. 10-quater)

Si ravvisa l’indebita compensazione dei crediti (art. 10-quarter) per l’ utilizzazione in compensazione, ai sensi dell’art. 17 del D. Lgs. 9 luglio 1997, n. 241, di crediti non spettanti per un importo superiore a € 50.000 nel corso del periodo d’imposta.

La violazione è punita con la reclusione da 6 mesi a 2 anni.

Si applica la reclusione da un anno e sei mesi a sei anni nei confronti di chi non versa le somme dovute utilizzando in compensazione crediti inesistenti per un importo annuo superiore a € 50.000. La violazione è punita con la reclusione da 6 mesi a 2 anni.

Secondo il nuovo comma 2-bis, la punibilità è esclusa “quando, anche per la natura tecnica delle valutazioni, sussistono condizioni di obiettiva incertezza in ordine agli specifici elementi o alle particolari qualità che fondano la spettanza del credito".  

Il reato di omesso versamento si consuma non con un qualsiasi ritardo nel versamento rispetto alle scadenze previste ma è necessario che l’omissione del versamento si protragga per l’intero periodo d’imposta. Se nel periodo d’imposta il contribuente ha effettuato più compensazioni per importi complessivamente inferiori il delitto si perfeziona alla data in cui si procede, nel medesimo periodo d’imposta, alla compensazione di un ulteriore importo di crediti non spettanti o inesistenti che, sommato agli importi già utilizzati in compensazione sia superiore al limite previsto dall’art. 10-quater.


5) I reati fiscali: la confisca (art. 12-bis)

Lo schema di D.Lgs. modifica la rubrica in “sequestro e confisca.

Viene mantenuto il testo del comma 1.

L’attuale comma 2 recita: ““Nel caso di condanna o di applicazione della pena su richiesta delle parti a norma dell’art. 444 c.p.c. per uno dei delitti previsti dal D.Lgs. 10 marzo 2000, n. 74, è sempre ordinata la confisca dei beni che ne costituiscono il profitto o il prezzo, salvo che appartengano a persona estranea al reato, ovvero quando essa non è possibile, la confisca di beni di cui il reo ne ha la disponibilità, per un valore corrispondente al prezzo o al profitto”.

La nuova versione prevede che, fatta eccezione per il caso concreto di pericolo di dispersione della garanzia patrimoniale, che sia desumibile dalle condizioni reddituali, patrimoniali o finanziarie del reo, nonché tenuto conto della gravità del reato, il sequestro dei beni finalizzato alla confisca non è disposto se il debito tributario è in corso di estinzione mediante procedure conciliative o di accertamento con adesione ma a condizione che l’interessato risulti in regola con il piano di pagamento.

La confisca non opera per la parte che il contribuente si impegna a versare all’erario anche in presenza di sequestro. La confisca è disposta sempre nel caso di mancato versamento.

Leggi anche:

Per una sintesi di tutte le Novità ti segnaliamo gli eBook

Fonte immagine: Parlamento
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

RIFORMA FISCALE 2023-2024 · 17/05/2024 730 semplificato: primi invii da lunedì 20 maggio

Istruzioni per accedere al nuovo 730 precompilato 2024: gli step da seguire per accedere al modello semplificato

730 semplificato: primi invii da lunedì 20 maggio

Istruzioni per accedere al nuovo 730 precompilato 2024: gli step da seguire per accedere al modello semplificato

La riforma dei compensi di lavoro autonomo

La riforma fiscale e la revisione della disciplina dei redditi di lavoro autonomo

Modello 730/2024: le novità sulle mance

I lavoratori dichiarano sul modello 730 le mance ricevute anche quando non cambiano la tassazione applicata dal datore di lavoro

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.